Accordo Basilea 3, ecco le reazioni di Draghi e Trichet

Abbiamo parlato ieri dell’accordo approvato dal Comitato dei Governatori delle Banche centrali, il tanto atteso Basilea 3, un accordo che impone dei requisiti patrimoniali molto più severi per l’operatività delle banche. Vediamo quali sono state le reazioni del mondo finanziario. Mario Draghi, governatore della Banca d’Italia, è stato molto positivo. “Le banche italiane saranno in grado di raggiungere gradualmente i livelli di capitale più alti richiesti dalle nuove regole di Basilea 3 continuando a sostenere le imprese e l’economia. Le banche italiane mostreranno livelli di capitale molto superiori agli standard minimi richiesti. In ogni caso, le riforme alla regolamentazione bancaria internazionale non sono ancora finite”.
Anche Jean-Claude Trichet, governatore della Bce, ha parlato positivamente di questo accordo.L’accordo elimina l’incertezza, fino a ora esistente, che è anche uno dei maggiori nemici della ripresa economica. Basilea 3 è un contributo importante per consolidare la crescita globale e non avrà l’effetto di frenare al ripresa. Nell’attuale fase di ripresa dopo gli shock subiti negli ultimi anni, l’incertezza è il nemico da abbattere. Con queste decisioni prese ieri eliminiamo l’incertezza in una vasta area, il che è il maggior contributo al consolidamento dell’economia globale. Esistono delle norme transitorie – ha concluso Trichet – che consentiranno alle banche di affrontare i nuovi standard senza sottrarre il sostegno fornito all’economia. Le regole più stringenti sui patrimoni bancari non danneggeranno la ripresa globale”.
Da segnalare che anche la Borsa ha promosso Basilea 3:  ieri, la prima seduta dopo l’annuncio dell’accordo, tutte le borse europee hanno chiuso col segno più.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*