Agcom, multe per oltre 500mila euro

Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, con a capo il presidente Corrado Calabrò, ha emesso sanzioni per un totale di 553.645 euro a carico di operatori telefonici. Ecco la suddivisione delle multe, con relativa motivazione:
Telecom Italia, 58.000 euro; “sanzionata per aver sospeso, illegittimamente e senza preavviso, un’utenza telefonica pur in pendenza di una procedura di reclamo”.
BT Italia, 41.316 euro per due provvedimenti; “sanzionata per non aver dato seguito ai provvedimenti temporanei, consistenti nell’invito a liberare due utenze per consentirne il passaggio ad altro operatore”.
Vodafone N.V., 30.000 euro. “sanzionata per non aver fornito i dati e le informazioni richieste dall’Authority”.
Ma il provvedimento senza dubbio piu corposo è stato preso a carico di Opitel, la società altresì conosciuta come TeleTu, la vecchia Tele2. Infatti a carico di Opitel, è stata combinata una multa di 424.329 euro. Ecco la motivazione: “violazioni consistenti nell’attivazione di servizi non richiesti, nelle procedure di migrazione senza consenso e nell’inottemperanza alle diffide imposte dall’autorità relative alla comunicazione del codice di migrazione”. Nei giorni scorsi, la stessa TeleTu aveva ricevuto un’altra consistente multa, per le attività di teleselling: la società di Opitel forniva “informazioni ingannevoli al fine di condizionare le scelte del consumatore contattato, in relazione alla necessità di cambiare operatore telefonico”. Dunque una mega multa che la società Opitel dovrà pagare al piu presto per non incorrere in ulteriori sanzioni da parte del Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*