Alitalia, Sabelli torna a parlare di tagli di personale

Alitalia ha intenzione di presentare ai sindacati un piano di ridimensionamento, da mettere in atto probabilmente entro la fine dell’anno. Si parla del mese di dicembre come il mese più caldo per i lavoratori di Alitalia, dato che la compagnia aerea al momento conta circa 14 mila dipendenti, ben al di sopra dei numeri programmati. Dunque si sta pensando ad un taglio del personale, si parla di 1.200 o 1.400 lavoratori, a cui aggiungere altri 600 lavoratori precari, per un numero che sfiora le duemila unità. Ma l’idea del ridimensionamento, confermata dall’ad della nuova Alitalia, Rocco Sabelli, in una riunione con alcuni dipendenti. Chiaramente le parole di Sabelli sono state più “positive” e propositive: ha parlato di ritorno al “Piano Fenice” e di “recuperi di efficienza ed esternalizzazioni”. Chiaramente i lavoratori non sono tranquilli, Alitalia ha smentito le parole dell’a.d., spiegando che erano un refuso di chi aveva riportato le parole dette da Sabelli. Oltre al ridimensionamento del personale, Sabelli aveva inoltre parlato di vendita di servizi di manutenzione e materiali, per un risparmio pari a 108 milioni di euro. Insomma, Alitalia ha deciso che dovrà esserci un forte taglio alle spese, partendo dai contratti di alcuni dipendenti, e passando per altre spese ritenute eccessive dall’amministrazione.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*