Aste BTP: buona la domanda nonostante la volatilità del mercato

Il collocamento di titoli a medio/lungo temine ha raccolto molto interesse su varie scadenze. A livello complessivo la domanda ha toccato gli 11 miliardi di euro a fronte dei 7,7 miliardi piazzati sul mercato. Lieve calo dei rendimenti, ma la domanda ha retto. La volatilità del mercato e le incertezze legate al rischio sovrano di paesi come la Grecia, non hanno prodotto effetti negativi sulle aste italiane.

[ad]

Il BTP a 5 anni, con scadenza 15/04/2015, è stato collocato con un rendimento lordo semplice del 2,86%, – 0,07 rispetto all’asta precedente. In calo anche la sesta tranche del BTP a 15 anni, e la ventesima tranche del BTP off-the-run. Dunque sono stati assegnati 3,5 miliardi di BTP a 5 anni, 2,5 miliardi di BTP a 15 anni e 1,7 miliardi di BTP off-the-run.

L’unico a non aver riscosso molto successo è stato il BTP a 15 anni off-the run, con scadenza 2021, che a detta di molti trader presentava un prezzo eccessivo. Nel complesso tutti i titoli sono stati piazzati bene, nonostante le condizioni di mercato non proprio favorevoli. L’Italia si sta confermando emittente liquido a affidabile sul mercato primario. Specialisti ed investitori istituzionali hanno mostrato grande interesse per le buone prospettive di rendimento dei BTP, mentre per i piccoli risparmiatori i rendimenti sono ancora troppo bassi.

Giuseppe Raso

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*