Azioni Facebook oggi 02 Dicembre crolla Menlo Park

Il social di Mark Zuckerberg si avvia a chiudere la settimana di mercato con un pesante ribasso. Azioni Facebook attualmente a 115,10, giù del 2,80%. La quotazione ha aperto a 118,38 ed è scesa in poche ore fino al minimo di 114. Il rendiconto di un anno cala all’8,51%. Menlo Park si porta dunque abbondantemente al di sotto del massimo di 52 settimane di 133,5 dollari. Indicatori tecnici segnalano la vendita nel breve e medio termine. C’è ancora fiducia però sul lungo periodo. Nonostante l’intensa attività societaria su più fronti, il colosso americano continua dunque a tentennare in Borsa.

Azioni Facebook oggi 02 Dicembre crolla Menlo Park

Azioni Facebook: il freddo Novembre di Zuckerberg

Ripercorriamo quanto accaduto in Borsa nel mese appena conclusosi per il social di Menlo Park.

Ad inizio Novembre, è stato comunicato il trimestrale aziendale che ha attestato un’ulteriore crescita societaria, anche sopra le attese. Tuttavia, hanno subito destato grosse preoccupazioni le stime sui ricavi futuri.

L’azienda ha dichiarato che, nel 2017, le entrate societarie derivanti dalle pubblicità caleranno vistosamente. La notizia ha subito influenzato i mercati e la quotazione del social in Borsa ha perso in pochissime ore oltre il 7% dei profitti raggiunti fino a quel momento.

Lo stesso Zuckerberg, che detiene ben 418 milioni di azioni del suo social, si è ritrovato, in una sola giornata, con un buco di ben 3 miliardi di euro. Da 128 dollari, la quotazione è scesa a 120, rimanendo poi su questo livello per gran parte del mese. Pur subendo diverse oscillazioni. Le prime, intorno a metà mese, hanno portato l’asset a toccare il minimo mensile di 114. Lo stesso odierno.

Nonostante tutto, le previsioni degli analisti per il futuro del colosso americano rimangono positive. Zuckerberg è alle prese con diversi progetti. Tra i quali la riconquista del mercato cinese. Messa a punto tramite un software di censura delle notizie, che riaprirebbe agli utenti di alcune zone asiatiche la porta del social. Chiusa qualche anno fa direttamente dalle autorità governative.

Bufale sul web: Menlo Park corre ai ripari

Nel frattempo, il social blu è stato vittima, nel corso del mese, di pesanti critiche in merito alla presunta cattiva gestione delle notizie che circolano sulla piattaforma.

La polemica è nata dopo la vittoria di Donald Trump. I sostenitori democratici si sono accaniti contro il web, e in particolare con Facebook, per una serie di notizie false circolate e che avrebbero danneggiato la candidata democratica. Uscita poi sconfitta alle presidenziali.

Zuckerberg è stato immediatamente chiamato a porre rimedio al problema delle bufale. Tra le possibili soluzioni, il giovane CEO sta studiando anche un sistema di intelligenza artificiale, per individuare le notizie non verificate. Nel frattempo, insieme a Google, la società ha deciso di bloccare le pubblicità per i siti sospetti.

Azioni Facebook dunque verso un finale d’anno piuttosto incerto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*