Azioni Facebook oggi 14 Novembre: quotazione stabile

Il titolo della società di Mark Zuckerberg continua a recuperare le perdite delle scorse sedute. Sospinto dal rialzo generale delle Borse dopo l’elezione di Donald Trump. Azioni Facebook aprono a 119,78, oscillando poi tra i 118,15 e 120,69. Nel complesso il titolo viaggia stabile. Indicatori tecnici segnalano l’acquisto per il breve periodo e sul mensile. Incerte invece le indicazioni per il medio termine. Menlo Park si sta muovendo in diverse direzioni per far fronte al calo obbligato delle pubblicità per il prossimo anno. Fattore che ha portato la quotazione al crollo nelle scorse settimane.

Azioni Facebook oggi 14 Novembre quotazione stabile

Azioni Facebook: conviene l’acquisto?

Diversi analisti hanno provato a dare una risposta ai dubbi degli investitori legati al trend del titolo del social blu.

Soprattutto per chi opera a breve termine, il crollo del 5% delle scorse sedute ha destato perplessità e preoccupazione.

Tuttavia, gli esperti di mercato sono convinti che bisognerebbe dare fiducia all’azienda di Zuckerberg. E per molte ragioni.

Innanzitutto la concorrenza. O meglio l’assenza di concorrenza. Gli iscritti sulla piattaforma aumentano. Ciò significa che sempre più utenti saranno portati a scegliere Facebook. Ovvero il social dove, con alta probabilità, si concentrano le attività della maggior parte delle proprie conoscenze. La crisi di Twitter è inoltre evidente a tutti da diversi mesi.

Secondo motivo, l’acquisizione di Whatsapp. Il servizio di messaggistica sarà presto ottimizzato per creare guadagno a Zuckerberg e soci. Soprattutto per quanto riguarda le pubblicità. Ciò significa che la società, nel complesso, continua a rimanere sulla strada della crescita.

Altro motivo riguarda il patrimonio societario. Facebook ha tutte le risorse necessarie per realizzare anche costosi progetti volti a far crescere il Brand. Oltretutto, Zuckerberg è ancora agli inizi rispetto a tanti altri suoi pari di altre aziende. Dunque la strada non può che essere in salita.

Infine, il prezzo delle azioni stesse, che non è altissimo. Il che si traduce in un asset appetibile e potenzialmente molto remunerativo.

Elezioni USA: Zuckerberg risponde con un lungo post alle accuse dei media

Al termine delle elezioni USA, la fazione che ne è uscita sconfitta ha iniziato ad incolpare a destra e a manca chiunque avesse potuto, in qualche modo, favorire Donald Trump in modo poco lecito.

Una delle accuse più paradossali è stata rivolta a Facebook. In particolare, Zuckerberg è stato accusato di mala gestione sulle notizie false, ovvero le cosiddette bufale. Il che avrebbe portato gli elettori a dare credito a diverse indiscrezioni negative su Hillary Clinton, favorendo il rivale.

Dopo l’immediata smentita da parte del diretto interessato, Zuckerberg avrebbe pubblicato poi anche un post chiarificatore. Spiegando che, dati alla mano, il 99% delle notizie che viaggiano sul social sono vere e confermate.

Risolta la questione, per le Azioni Facebook si prevede un finale 2016 non propriamente esplosivo, ma sempre in trend positivo.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*