Banca d’Italia: stop emissione nuove carte American Express

Dal 12 aprile, non potranno essere più emesse carte di credito American Express in Italia. Il provvedimento, preso dalla Banca d’Italia, ovviamente non riguarderà i vecchi clienti, che come viene spiegato, potranno usare la loro carta senza alcun problema. Tutto nasce da una indagine della Procura della Repubblica di Trani, con riferimento alle carte “revolving”, nella quale l’associazione dei consumatori Adusbef si è costituita parte civile.
Le motivazioni, proposte in una nota di BankItalia, spiegano come “siano state riscontrate irregolarità e carenze rispetto alle disposizioni di contrasto al riciclaggio e contro l’usura”. Non solo, inoltre “la mancata verifica e registrazione della clientela da parte dell’intermediario finanziario, nonché l’utilizzo di nominativi di comodo e la mancata comunicazione del limite di disponibilità del credito”.
Fatti abbastanza gravi, che hanno imposto alla Banca d’Italia di adottare questo scomodo provvedimento, affinchè venga bloccata l’espansione della carta a nuovi ed ignari clienti. Banca d’Italia in una nota spiega che “il divieto di emettere nuove carte di credito potrà essere rimosso solo quando siano state definitivamente sanate le irregolarità e le violazioni rilevate”. Inoltre BankItalia ha approfondito i problemi riscontrati durante vari controlli, problemi emersi per l’appunto nell’inchiesta di Trani: “sono state riscontrate diffuse e rilevanti anomalie riguardo all’antiriciclaggio. Tutto ciò dovrebbe configurare la violazione di norme di legge di carattere imperativo volte ad assicurare essenziali presidi di correttezza nell’interesse della clientela e di integrità del sistema finanziario da possibili coinvolgimenti di attività illecite”.

Come risponde a queste accuse la società American Express? Sembra quasi sviare il problema spiegando che è in corso “un aggiornamento di sistemi informativi e procedure per aderire ancora più strettamente alla normativa”, confermando comunque il blocco all’emissione di nuove carte di credito.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*