Banca d’Italia, Visco avverte: “Bisogna fare di più”

Il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, ha commentato i dati e le analisi che sono state pubblicate in occasione dell’assemblea annuale dell’ Fmi, che si è svolta a Tokyo. Il governatore di Bankitalia ha concentrato la propria attenzione sul fattore bancario, spiegando che l’Italia non ha gli stessi rischi della Spagna, in quanto ad istituti bancari, ma la situazione andrà monitorata e tenuta sotto controllo. “L’Italia non è come la Spagna, ma bisogna fare di più, servono analisi più mirate e meno impressionistiche. In Italia le banche devono fare molto, in termini di costi e redditività: attraversano una fase difficile, ma esattamente nei termini da noi esaminati” spiega Visco. Il governatore prova a spiegare il perchè di questa flessione delle banche italiane: secondo Visco, la colpa va addebitata agli sprechi di denaro degli ultimi anni, insieme ad un sistema un po’ troppo rigido. “Vi sono momenti in cui il rigore è indispensabile, ma l’Italia è stata rallentata da rigidità e sprechi di denaro che richiedono grande attenzione per la spesa” chiarisce Visco, che poi annuncia l’arrivo in Italia, nei prossimi mesi, dell’ente Fsap (Financial Sector Assesment Program), un organismo creato dal Fondo Monetario Internazionale, che analizzerà i dati relativi alle banche italiane. In chiusura, Visco ha voluto evidenziare i progressi italiani, confermando l’importanza della legge di stabilità. “Il segnale più importante che possiamo dare al resto del mondo è la riduzione del debito. La legge di stabilità va nella giusta direzione sul piano della redistribuzione e dell’attenzione alla dimensione sociale”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*