Bank of America taglia 30.000 posti di lavoro

Brutte notizie per l’occupazione negli Stati Uniti. Infatti è arrivata ieri la comunicazione da parte della Bank of America di nuovi tagli occupazionali: si parla della soppressione di 30.000 posti di lavoro, corrispondenti a poco più del 10% del totale dei lavoratori della banca americana. Sicuramente la cifra è inferiore alle stime degli esperti, stime che erano state ipotizzate sui giornali americani nei giorni scorsi e che avrebbero visto il taglio di oltre 40.000 posti di lavoro, una vera catastrofe occupazionale. Il taglio dei posti di lavoro è stato annunciato dopo la presentazone di Brian Moynihan, nuovo Ceo di Bank of America. Moynihan ha preferito glissare in conferenza stampa sui possibili tagli che sarebbero arrivati. Alle domande sul possibile taglio occupazionale, il nuovo amministratore delegato della Bank of America, ha spiegato infatti che sarebbe stato avviato un progetto per la riduzione dei costi. Ed in effetti, il taglio dei posti di lavoro permetterà alla banca americana di risparmiare 5 miliardi di dollari all’anno entro il 2013. Il piano, denominato “Project new Bac” prevede due fasi: nella prima il taglio di 30.000 posti di lavoro in due anni, nella seconda fase invece la riduzione dei 28 miliardi di spese delle attivita’ bancarie commerciali, gestione patrimoniale, corporate e investment banking.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*