Bankitalia, a luglio debito pubblico da record

Nel mese di luglio, il debito pubblico italiano è aumentato, toccando un livello record: infatti il debito pubblico ha raggiunto quota 1.838,296 miliardi di euro. Per la precisione, si tratta di debito pubblico assoluto, non è questo il dato relativo al prodotto interno, dato che interessa il Patto di Stabilità Europeo. Secondo le stime della Banca d’Italia, nel luglio 2010 il debito è aumentato del 4.7% rispetto a dodici mesi prima, e del 4.3% rispetto a fine 2009. Dunque possiamo anche affermare che nei primi sette mesi del 2010, il debito pubblico è aumentato del 4.3%. La Banca d’Italia ha anche confermato che il Fisco Italiano ha visto ridotte le entrate. Sono infatti calate di 7,411 miliardi di euro rispetto al periodo gennaio-luglio 2009, toccando quota 210,374 miliardi di euro, con una riduzione che possiamo attestare in percentuale al 3.4%. Facendo il confronto con il mese di luglio 2009, le entrate di luglio 2020 sono state 36,225 miliardi di euro contro i 37,905 dello stesso mese del 2009, con una flessione del 4.4%, quantificabile in 1,680 miliardi di euro. Ma il Ministero delle Finanze, con una nota, ha voluto smentire in un certo senso i dati di Bankitalia, a proposito delle entrate. “Le entrate tributarie del bilancio dello Stato registrano, nel periodo gennaio-luglio 2010, una variazione negativa di -7.083 milioni di euro (-3,1%) rispetto allo stesso periodo dell’anno passato e si attestano a quota 218.311 milioni di euro. La flessione è imputabile al previsto minor versamento a saldo registrato a febbraio 2010 dell’imposta sostitutiva su interessi e altri redditi da capitale, all’andamento dell’autoliquidazione e al previsto venir meno di entrate una tantum. Il gettito fiscale registrato nei primi sette mesi del 2010 è perfettamente in linea con le previsioni, era già previsto un calo ascrivibile al venire meno di alcune una tantum riguardanti essenzialmente l’imposta sulle società e che erano state registrate nello stesso periodo del 2009”.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*