Nell’ultimo Bollettino Economico, pubblicato dalla Banca d’Italia, non sembrano esserci dati positivi per quello che riguarda l’occupazione in Italia. Infatti si legge nel comunicato, che la crescita italiana prosegue, ma l’occupazione fa fatica a ripartire.”Livelli produttivi distanti da quelli precedenti l’avvio della recessione e un’incidenza ancora elevata degli occupati in cassa integrazione ostacolano il ritorno alla crescita dell’occupazione” si legge nel Bollettino, che prosegue l’analisi in maniera più dettagliata con la pubblicazione dei dati di fine anno 2010 e facendo il paragone con i primi due mesi del 2011. “Dopo un lieve incremento nel quarto trimestre del 2010, il numero degli occupati è ripiegato nel primo bimestre di quest’anno sui livelli minimi dell’estate scorsa. Sono tornate a crescere le assunzioni con contratti flessibili e a tempo parziale; è proseguita la contrazione delle posizioni permanenti a tempo pieno. Il tasso di disoccupazione rimane stabile sui valori medi dello scorso anno, mentre sono aumentate l’incidenza dei disoccupati di lungo periodo e la disoccupazione giovanile”. La Banca d’Italia evidenzia come il numero delle persone in cerca di lavoro sia aumentato del 7.4% nel quarto trimeste del 2010, negli ultimi tre mesi del 2010 inoltre il tasso di occupazione si assestato ad un livello inferiore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Aumentano  i disoccupati (+ 1.6% rispetto a dodici mesi fa) ed aumentano seppur di poco anche gli inattivi (+ 0.4%). Altro dato negativo è quello dei cosìdetti scoraggiati, coloro che non cerca un lavoro perchè ritiene di non riuscirlo a trovare: aumenta del 6.5%, toccando quota 92 mila persone.

Pietro Gugliotta

RICEVI SUBITO L’ACCESSO 

EBOOK GRATUITO 

CORSI DI TRADING

SEGNALI DI TRADING GRATUITI 

TRADING CENTER