Berlusconi: “Ridicola la tassa sulle transazioni”, ma la Germania…

Il Consiglio Europeo ha approvato una tassa sulle transazioni finanziarie. Il premier italiano, Silvio Berlusconi in una intervento telefonico ad un convegno del Pdl, ha bocciato l’approvazione di questa norma. “Credo di aver reso un buon servizio al mio Paese e anche all’Europa con il veto sulla tassa sulle transazioni finanziarie. Una proposta ridicola, se fosse stata approntata solo dall’Unione Europea e non dagli altri grandi Paesi avrebbe spostato negli Usa e in altri Paesi la mole delle transazioni finanziarie internazionali”. Ma immediata e piuttosto decisa è arrivata la replica del portavoce del governo tedesco. “Tutti i paesi Ue hanno convenuto sulle conclusioni del Consiglio europeo di giovedì scorso, incluse quelle relative alla proposta di una tassa europea sulle transazioni finanziarie. Le conclusioni sono state approvate da tutti i capi di Stato e di governo del Consiglio europeo. Il Consiglio europeo – prosegue il portavoce tedesco – conviene sulla necessità che gli Stati membri introducano sistemi di prelievi e tasse a carico degli istituti finanziari per assicurare un’equa ripartizione degli oneri e stabilire incentivi volti a contenere il rischio sistemico. Inoltre è stato approvato l’articolo 17 che sottolinea la necessità di esplorare e sviluppare ulteriormente l’eventuale introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie su scala mondiale. L’Ue dovrebbe guidare gli sforzi volti a stabilire un approccio globale all’introduzione di un sistema di prelievi e tasse a carico degli istituti finanziari nella prospettiva di mantenere una parità di condizioni su scala mondiale e difenderà con vigore questa posizione di fronte ai suoi partner del G20. In tale contesto – conclude – si dovrebbe esplorare e sviluppare ulteriormente l’opportunità di introdurre un prelievo sulle operazioni finanziarie a livello mondiale”.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*