BlackBerry in crisi: adesso è in vendita

blackberry-10La società canadese BlackBerry, ex RIM (Research in motion) è ufficialmente in vendita. L’indiscrezione girava già da alcuni giorni, il portale Techcrunch l’aveva pubblicata in anteprima, i vertici di BlackBerry non hanno potuto smentire. A darne annuncio è la stessa azienda, con un comunicato ufficiale uscito nelle scorse ore. “Data l’importanza e la forza della nostra tecnologia e il settore in forte evoluzione in un mercato competitivo, è il momento giusto per esplorare alternative strategiche” ha spiegato Timothy Dattels, membro del consiglio d’amministrazione di BlackBerry, che ha poi confermato la volontà dell’azienda di cedere o di cercare una joint venture con altre società. “Nel frattempo continuiamo a credere di avere a disposizione un’eccezionale tecnologia. Continueremo a ridurre i costi, essere più efficienti, svilupperemo ancora BES 10 e la nostra piattaforma di messaggistica” chiarisce Thorsten Heins, presidente e Ceo di BlackBerry. La parabola di BlackBerry è stata incredibile: dalle vette toccate fino al 2010, quando il marchio RIM era fra i più considerati nel mercato dei nuovissimi smartphone, al crollo degli ultimi anni. I BlackBerry sono stati i primi smartphone, quando ancora questi erano una tecnologia sconosciuta e poco commercializzata: l’arrivo di Apple, l’ingresso di Samsung in questo settore, hanno letteralmente bruciato la concorrenza. Così aziende come Nokia e BlackBerry hanno dovuto cedere il passo ad altre società, sicuramente più competitive. Basti pensare che nel 2009, nonostante i risultati economici non fossero brillanti, BlackBerry era la seconda potenza nel mercato della telefonia mobile, dietro solo a Nokia.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*