Calano le vendite al dettaglio: rispetto a settembre del – 0.2%

L’Istat ha da poco pubblicato i dati sul valore delle vendite al dettaglio nel mese di settembre 2010. Si tratta di un indice destagionalizzato, che tiene conto del totale delle vendite al dettaglio. Secondo l’Istituto Nazionale di Statistica, in Italia si è avuta una flessione delle vendite al dettaglio pari al – 0.2% rispetto ad agosto 2010, mentre prendendo in esame i dati di settembre 2010 e settembre 2009, l’Istat segnala come l’indice abbia registrato una variazione positiva, pari allo 0.3%. “L’aumento dello 0,3 per cento registrato nel confronto con il mese di settembre 2009 per il totale delle vendite, deriva da una variazione negativa dello 0,1 per cento delle vendite della grande distribuzione e da un aumento dello 0,5 per cento delle vendite delle imprese operanti su piccole superfici”.
Al netto della stagionalità, in termini congiunturali, le vendite dei prodotti alimentari possiamo dire che sono rimaste pressochè invariate, mentre sono in flessione quelle dei prodotti non alimentari, che scendono dello 0.2%. Analizzando i dati di settembre 2010, rispetto all’anno precedente, notiamo come la vendita di prodotti al dettaglio, sia aumentata sia per quello che riguarda i prodotti alimentari (aumento del + 0.2%) e quelli non alimentari (+ 0.3%). Prendendo in esame il trimeste luglio-agosto-settembrem l’Istat segnala come ci sia stato un aumento dello 0.3% dell’indice delle vendite al dettaglio (indice destagionalizzato) rispetto al trimestre precedente. Sempre in raffronto allo stesso periodo, si può notare come le vendite al dettaglio siano aumentate, sia per quello che riguarda i prodotti alimentari (aumento dello 0.5%) e di quelli non alimentari (aumeno dello 0.3%).

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*