Cambio Euro Dollaro oggi 02 Ottobre: pochi movimenti

Nonostante gli investitori si mostrino direzionati verso i beni rifugio e vi sia un sostanziale nervosismo sui mercati, il Dollaro si muove poco nei confronti delle altre principali valute mondiali. La crisi di Deutsche Bank sembra rientrata, almeno sulle Borse. Cambio Euro Dollaro ancora in lieve rialzo. Attualmente la coppia fa registrare un +0,19%, toccando quota 1,1240. L’Euro dunque continua a recuperare il terreno perso nei giorni scorsi.

cambio euro dollaro oggi 02 ottobre pochi movimenti

Cambio Euro Dollaro: cambio passo a breve?

Gli analisti ritengono che la moneta comunitaria possa essere messa sottopressione dai prossimi eventi. Continuano a tenere banco, anche se l’allarme sembra rientrato, i timori legati alla solidità di Deutsche Bank.

Inoltre, la stabilità del biglietto verde sarebbe legata in modo forte alla mancanza di certezze, da parte di FED, sul rialzo dei tassi di interesse. Da una parte si attendono le elezioni presidenziali USA e nuove notizie da Janet Yellen. Dall’altra permangono seri rischi per la situazione finanziaria dell’Eurozona.

L’analisi dei banchieri degli istituti centrali sembra unanime. Secondo le previsioni degli esperti, infatti, è probabile che i mercati faranno aumentare il costo del denaro nel breve termine.

Situazione diversa tra il Dollaro e la Sterlina inglese, dove il biglietto verde affossa nettamente la valuta rivale.

Per quanto riguarda le previsioni Forex, per la coppia EUR/USD si consiglia l’acquisto a breve e medio termine. Incertezze per il lungo periodo, per il quale si ipotizzano maggiori profitti con la vendita, ma senza troppe certezze.

Deutsche Bank: il punto della situazione

La multa inflitta dagli USA all’istituto tedesco sta riportando a galla vecchi dissapori, soprattutto tra Germania e Italia.

Nel 2011, infatti, la Banca tedesca si rese protagonista di una massiccia vendita di titoli di Stato italiani. L’istituto la giustificò con motivazioni economiche. Le recenti vicende mostrano però, dietro quei fatti, una precisa strategia geopolitica.

In sostanza, la banca scaricò l’Italia, ma non per questione di bilanci societari.

A sostegno di questa tesi, tutte le attività “sporche” compiute dall’istituto durante gli ultimi 5 anni. La banca è in rosso di oltre 30 miliardi per l’emissione di derivati ad alto rischio. Non è così lontana l’ipotesi che l’intero patrimonio dell’istituto possa venire completamente azzerato a breve e per un nonnulla.

La moneta comunitaria si sta però difendendo bene, almeno sui mercati, da questa grave situazione. Ancora più grave se si considera che la Germania è la prima forza europea. Cambio Euro Dollaro che, quindi, in queste ore, starebbe vivendo la classica calma prima della tempesta.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*