Cambio Euro Dollaro oggi 12 Dicembre: moneta unica su

Dopo la chiusura della scorsa settimana in netto calo e la riapertura odierna all’insegna dell’indecisione, la coppia EUR/USD torna a salire. Cambio Euro Dollaro attualmente a 1,0603, su dello 0,45%. Rendiconto di 1 anno sempre negativo, al -4,11%. Minimo e massimo toccati nella giornata rispettivamente 1,0526 e 1,0615. Indicatori tecnici segnalano l’acquisto per il breve e medio termine. La vendita dell’asset prevale ancora per il lungo periodo. Il biglietto verde, dunque, mantiene un profilo basso, in attesa del vertice FED in programma tra domani e dopodomani.

Cambio Euro Dollaro oggi 12 Dicembre moneta unica su

Cambio Euro Dollaro: FED verso l’aumento dei tassi

In attesa di conoscere la decisione di Janet Yellen sul rialzo dei tassi, il biglietto verde apre la settimana di mercato in lieve calo contro tutte le principali valute rivali. Tuttavia, la divisa statunitense si mantiene sempre vicina ai recenti massimi, supportata dalle alte probabilità di un rialzo dei tassi di interesse.

Secondo diversi reports economici, le probabilità di una stretta da parte della Federal Reserve sono ormai arrivate al 100%.

Secondo gli analisti, il tasso dei Fed Fund dovrebbe essere aumentato dello 0,25%. E dunque portato in un range tra lo 0,5% e lo 0,75%. Tuttavia, il 2017 non dovrebbe riservare grosse sorprese e sarà difficile che, nel corso dell’anno, avvenga un altro rialzo. Ad ogni modo, le condizioni rimangono variabili. In attesa soprattutto di capire come si muoverà Donald Trump una volta insediatosi ufficialmente alla Casa Bianca.

La corrente settimana di mercato sarà dunque completamente incentrata sui tassi di interesse. Dopo la riunione della BCE che la settimana scorsa ha confermato il prolungamento del piano QE, nelle prossime settimane a pronunciarsi saranno FED e BoE. Per quanto riguarda la Gran Bretagna, l’attuale condizione dei tassi non dovrebbe essere modificata.

UE: il piano del Tesoro italiano per MPS

Tentativo di mercato in extremis per salvare l’istituto di credito italiano Monte dei Paschi di Siena. Dopo il no della BCE ad allungare le tempistiche per l’aumento di capitale a 5 miliardi, il consiglio di amministrazione dell’istituto si gioca l’ultima rischiosissima carta.

La banca ha deciso di riaprire la conversione dei bond subordinati in azioni. Con l’intento di coinvolgere anche la clientela retail. Qualora la mossa non dovesse produrre i risultati sperati, il Tesoro ha un piano di riserva. Sostanzialmente, si cercherà di tamponare l’eventuale falla. Ad ogni modo, è stata concessa all’istituto un’altra settimana di tempo.

Serve però l’ok della CONSOB, mentre Jp Morgan e Mediobanca, che guidano il consorzio di garanzia delle banche d’affari, hanno esercitato il diritto a defilarsi dall’operazione. Considerandola troppo rischiosa.

Cambio Euro Dollaro che si avvia ad una settimana movimentata. Con il biglietto verde che potrebbe prendere con decisione la strada della parità.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*