Cambio Euro Dollaro oggi 20 Marzo: bene la moneta unica

Continua il rialzo della moneta unica anche in questo lunedì di mercato. Cambio Euro Dollaro attualmente a 1,0767, in salita dello 0,27%. Seppur con alti e bassi, dall’inizio del mese la coppia EUR/USD si muove in trend sostanzialmente positivo. Nella seduta odierna, toccati il minimo e il massimo di giornata rispettivamente di 1,0734 e 1,0777. Rendiconto di 1 anno a – 4,61%. Biglietto verde complessivamente debole contro tutte le principali valute rivali, tenendo testa solo alla sterlina britannica. Cala il livello gradimento Donald Trump, mentre in Europa protagonista Angela Merkel, con la visita negli States e la possibile crisi diplomatica con la Turchia

Cambio Euro Dollaro oggi 20 Marzo bene la moneta unica

Cambio Euro Dollaro: Corea del Nord insidia il tycoon

Dall’inizio dell’anno, il dittatore nord coreano Kim Jong non fa che lanciare sfide (e missili…), prendendo di mira, in particolar modo, gli USA di Donald Trump.

Ad onor del vero, la diatriba non è affatto nuova. E’ da oltre vent’anni, infatti, che la Casa Bianca tenta di arrestare la corsa al nucleare da parte della nazione asiatica. Invano.

Il magnate newyorkese potrebbe invertire la tendenza, oppure fallire definitivamente. Attualmente, le strade percorribili sono due. In primis, il Presidente USA potrebbe tentare di convincere la Cina ad applicare al 100% le sanzioni dell’Onu. Oltre alla sospensione dell’acquisto di carbone nord coreano, potrebbero essere sospese le forniture di Petrolio a Kim Jong. Così facendo, le finanze del giovane dittatore verrebbero messe in forte crisi.

Rischiosa la seconda ipotesi, che prevedrebbe un attacco diretto a missili e rampe di lancio. Jong potrebbe infatti reagire ricorrendo alle armi chimiche e biologiche di cui dispone in abbondanza.

Per il momento, il tycoon sembra convinto di avere la situazione sotto controllo. Ma l’imprevedibilità del dittatore coreano spaventa davvero tutto il mondo.

Germania-Turchia: è crisi diplomatica?

Nel Vecchio Continente, fari puntati sull’asse Ankara-Berlino, con le tensioni tra i due Paesi che continuano a salire pericolosamente.

Erdogan non le manda certo a dire e, proprio ieri, ha dichiarato ancora una volta, pubblicamente, che Angela Merkel opererebbe in favore dei terroristi.

La questione è attualmente tutta incentrata sul caso del giornalista turco-tedesco della Die Welt. Arrestato in Turchia e che Erdogan non vuole restituire alla Germania.

In difesa della Cancelliera, è sceso in campo il Ministro degli Esteri tedesco, dichiarando che il leader turco ha oltrepassato ogni limite, con le sue dichiarazioni. Ad Ankara, invece, il governo turco ha convocato l’ambasciatore tedesco, chiedendo spiegazioni sulla manifestazione dei 30mila curdi a Francoforte.

Ad alimentare il caos, la situazione in Danimarca, dove diversi cittadini turco-danesi sarebbero stati minacciati, dopo aver riportato alcune frasi contro il regime di Erdogan, sui social network.

Cambio Euro Dollaro condizionato dunque, in questo momento, dalle relazioni internazionali e dalle situazioni politiche. Gestite con difficoltà sia da Washington che da Bruxelles.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*