Cambio Euro Dollaro oggi 21 Marzo: ancora rialzo

Prosegue il trend positivo della moneta unica, anche nell’odierna seduta di mercato. Cambio Euro Dollaro attualmente a 1,0800, in salita dello 0,57%. La debolezza del biglietto verde sembra cancellare, per il momento, l’ipotesi parità segnalata ad inizio anno. La coppia EUR/USD si è mossa quest’oggi tra il minimo e il massimo di giornata rispettivamente di 1,072 e 1,0802. Gli indicatori tecnici segnalano ora l’acquisto per il breve e medio termine. Vendita consigliata per il lungo periodo. La divisa statunitense scende dunque ai minimi di 5 settimane. I mercati scontano ancora la decisione della Federal Reserve di alzare ulteriormente i tassi di interesse, quest’anno, solo altre due volte. Dopo l’aumento della scorsa settimana. 

Cambio Euro Dollaro oggi 21 Marzo ancora rialzo

Cambio Euro Dollaro: focus sulle elezioni francesi

Mentre gli investitori si mantengono cauti, in attesa del prossimo intervento di Janet Yellen, in programma per giovedì 23 Marzo, la zona euro punta i fari sulle elezioni francesi.

Ieri sera, il primo faccia a faccia televisivo tra i cinque candidati alle presidenziali francesi. La spunta Emmanuel Macron, leader del partito En Marche. Secondo i sondaggi, il giovane ex Ministro ha convinto il 29% dei telespettatori.

Marine Le Pen, candidata del Front National, scende in terza posizione, con il 19% delle preferenze.

Chi si aspettava una battaglia all’ultimo sangue, è rimasto deluso. I 5 sfidanti, infatti, si sono mostrati, fin dall’inizio, cauti e autorevoli. Macron e Le Pen certamente i più disinvolti. Con il primo che però ha convinto molto di più della rivale di destra.

Il momento clou sul tema dell’immigrazione. Durissime le parole della leader del Front National:

“Io dico che bisogna fermare questa immigrazione, i francesi non ne possono più, voglio una politica dissuasiva che tagli le sovvenzioni di Stato e gli aiuti medici, abbiamo 7 milioni di disoccupati e 9 milioni di poveri!”.

Macron ha colto la palla al balzo per accusare la rivale di dividere i cittadini francesi. Questa la replica dell’ex ministro, interpellato sulla questione del burkini:

“Immigrazione e laicità non c’entrano, il burkini è un problema di ordine pubblico che i sindaci possono risolvere semplicemente applicando la legge”.

USA: Scontro Trump-FBI

Oltreoceano, intanto, prosegue l’indagine sul Russiagate. Il repubblicano David Nunes, Presidente della Commissione Intelligence della Camera USA, ha dichiarato che non vi sono state intercettazioni presso la Trump Tower. Tuttavia, Nunes non ha escluso che altre attività di sorveglianza possano essere state condotte contro il tycoon newyorkese e i suoi collaboratori.

Respinte dall’FBI le accuse contro Barack Obama. Secondo James Comey, direttore dell’ente investigativo, nessuno può ordinare l’intercettazione di un cittadino americano e ciò non può avvenire se non dopo una lunga valutazione.

Tuttavia, l’indagine sul ruolo della Russia nelle presidenziali americane dello scorso novembre, prosegue. La Casa Bianca sembra mantenere le proprie posizione, con Trump niente affatto propenso a ritirare le accuse nei confronti del suo predecessore.

Cambio Euro Dollaro sempre più teatro di complicate vicissitudini politiche. Con Bruxelles che, tuttavia, sembra dover ancora affrontare il periodo peggiore.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*