Cambio Euro Dollaro oggi 23 Febbraio: spinta ribassista

Lieve recupero della moneta unica sul biglietto verde, nelle prime ore del mattino. Tuttavia, in questo momento, la spinta ribassista torna a farsi sentire. Cambio Euro Dollaro attualmente a 1,0548, in calo dello 0,08%. La quotazione, dopo aver aperto a 1,0556, si è mossa fino ad ora tra il minimo di giornata di 1,0538 e il massimo di 1,0572. Gli indicatori tecnici segnalano la vendita per il breve, medio e lungo periodo. Rendiconto di 1 anno al -4,25%. FED ribadisce i rialzi dei tassi “abbastanza presto”. Ma gli investitori rimangono cauti.

Cambio Euro Dollaro oggi 23 Febbraio spinta ribassista

Cambio Euro Dollaro: le indicazioni della Federal Reserve

Gli scambi di ieri sono stati per lo più caratterizzati dall’attesa per i verbali FED, pubblicati in serata. Sul bollettino della Banca Centrale statunitense si legge che un nuovo aumento per i tassi di interesse potrebbe arrivare abbastanza presto. L’obiettivo dell’istituto è quello di evitare i rischi legati ad un possibile surriscaldamento dell’economia.

Subito dopo il rilascio dei verbali, Jerom Powell, membro della banca, ha dichiarato che il primo rialzo del 2017 potrebbe avvenire nell’ambito della prossima riunione, fissata per il 14 e 15 Marzo.

A seguito del report della compagine di Janet Yellen, le Borse hanno dato il via ad un lieve recupero. Wall Street ha chiuso in positivo, pur mantenendo un certo grado di debolezza.

Per quanto riguarda le Piazze europee, calano i timori di una possibile vittoria di Marine Le Pen alle presidenziali francesi. Nella giornata di ieri, infatti, il candidato del centro sinistra Bayrou ha fatto sapere che non sarà in lizza, alle prossime votazioni. In questo modo, la posizione di Macron, principale rivale della numero uno del Front National, si rafforza.

Al momento, dunque, la coppia EUR/USD si muove condizionata dalle mosse di FED e dalle elezioni francesi. In attesa dell’avvio ufficiale della Brexit.

USA: a rischio 5 milioni di stranieri illegali

Nel frattempo, oltreoceano, Trump continua a lavorare incessantemente al proprio programma politico. Il tycoon newyorkese è prossimo a rendere noto il contenuto del nuovo ordine esecutivo su immigrati e rifugiati.

Si teme l’espulsione di massa, che potrebbe riguardare ben 5 degli 11 milioni di immigrati attualmente presenti negli USA.

A tal proposito, John Kelly, responsabile per la sicurezza interna alla Casa Bianca, ha preannunciato che:

“Gli Stati Uniti non escluderanno più intere classi o categorie di stranieri illegali dalla possibilità che la legge venga fatta rispettare anche nei loro confronti”.

Cambio Euro Dollaro prossimo ad un Marzo di tempeste. Con tanti saluti alla Primavera.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*