Cambio Euro Sterlina 26 Settembre: previsti nuovi record

La coppia EUR/GPB apre ancora al rialzo e sembra non voler arrestare la salita. Da oltre 20 giorni l’asset continua a vivere sedute positive. Ora c’è grande attesa per l’intervento di Mario Draghi, che certamente determinerà il trend settimanale. Nel frattempo, il cambio Euro Sterlina si è portato a quota 0,8700, in rialzo dello 0,38%.

Cambio Euro Sterlina 26 Settembre previsti nuovi record

Cambio Euro Sterlina: ci si avvicina ai massimi annuali

Nel post Brexit, i mercati hanno mostrato molta fiducia per la ripresa della Gran Bretagna. Questa fiducia sembra ora essere venuta meno e gli investitori hanno ripreso a vendere la moneta inglese.

Ne esce rafforzato l’Euro e la coppia di valute, da oltre 20 giorni, continua il suo trend in rialzo senza alcuna complicazione.

Oggi pomeriggio, occhi puntati sull’intervento di Mario Draghi al Parlamento Europeo. Il direttore della BCE potrebbe comunicare nuovi dati che andrebbero ad influire sulla moneta dell’Unione.

Intanto gli analisti prevedono che la coppia EUR/GPB possa toccare i massimi annuali, a prescindere da cosa accadrà questo pomeriggio.

La vendita di sterline sembra essere costante e non ci si attende un discorso che possa far cambiare le cose in modo drastico. Ormai la moneta del Regno Unito sembra aver perso ufficialmente tutto il terreno recuperato nel dopo Brexit nei confronti sia dell’Euro che del Dollaro.

Gli investitori si stanno comportando in modo cauto, ma deciso. Con operazioni incentrate sul lungo termine.

Stamattina è stata superata la resistenza a 0,867. L’intervento di Draghi potrebbe confermare il trend, e molti sono di questo parere. Ma non mancano le possibilità di un’inversione che, tuttavia, non dovrebbe durare a lungo.

Borse mondiali: la situazione

Solo 10 ore fa, la moneta comunitaria ha però chiuso in rosso la seduta asiatica. Per la coppia EUR/JPY c’è stato infatti un ribasso dello 0,05%.

Nel complesso, la situazione mondiale dei mercati vede le Borse Europee in calo.

Nonostante la comunicazione dell’Ifo in merito alla ritrovata fiducia nei confronti delle imprese, ad influire negativamente sull’andamento delle Borse ci ha pensato Deutsche Bank. A Francoforte, l’istituto ha segnato i minimi storici.

Il governo tedesco ha dichiarato di non avere intenzione di intervenire e ciò ha contribuito a far sprofondare tutto il comparto bancario europeo.

In Italia si attende la data del referendum costituzionale per capire se la situazione politica avrà ripercussioni ulteriori sui mercati. Gli USA fremono per le elezioni presidenziali.

In un panorama generale negativo, il cambio Euro Sterlina in positivo assume connotati ancora più rilevanti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*