Cambio Euro Sterlina oggi 01 Dicembre: pound in recupero

Cala la moneta unica contro il pound britannico in questa mattinata di mercato. Trend che sorprende, considerato l’indice IPC flash della zona euro al massimo di 2 anni e il contestuale calo inatteso dell’indice PMI manifatturiero del Regno Unito. Cambio Euro Dollaro apre a 0,8467, per arrivare poi a toccare il minimo di 0,8397. La quotazione, attualmente, è di 0,8413. Indicatori tecnici segnalano la vendita dell’asset per la brevissima scadenza e sul giornaliero. Sul mensile prevale invece l’acquisto. Nel frattempo, è boom di turisti a Londra per il periodo pre natalizio.

Cambio Euro Sterlina oggi 01 Dicembre pound in recupero

Cambio Euro Sterlina: i reports economici

Come premesso, l’attività manifatturiera in Gran Bretagna è calata a Novembre, inaspettatamente. L’indice PMI è sceso al tasso destagionalizzato di 53,4, contro il 54,2 di Ottobre.

Pur rimanendo il settore in espansione, il crollo del pound ha messo i prezzi sottopressione, pesando sul rendimento delle attività.

Complessivamente, si tratta del quarto mese consecutivo di crescita per il settore, nonostante la produzione e gli ordinativi abbiano perso un po’ di slancio.

La Gran Bretagna, dunque, pur andando avanti alla cieca in attesa dell’avvio del procedimento per la Brexit, continua a crescere. Si teme, tuttavia, che tale crescita potrebbe essere frenata, prossimamente, dall’aumento dell’inflazione e dai difficili negoziati tra Londra e Bruxelles.

Sul fronte euro, l’indice dei prezzi al consumo è invece salito al tasso destagionalizzato di 0,6%. Seppur debolmente, anche l’Europa cresce. Preoccupano però i dati italiani. La disoccupazione giovanile è in calo, ma cresce il numero degli inattivi.

Brexit: i turisti scelgono Londra

Come da previsioni, il Regno Unito guadagna il primato di meta preferita dei turisti, grazie al calo della valuta locale. Interessante scoprire come molti dei viaggiatori siano di nazionalità bulgara. Fino allo scorso anno, per alcune categorie di turisti, Londra era di fatto inaccessibile. Ora i prezzi sono calati e i settori del turismo e del lusso sono pronti a fare bottino pieno.

Molti sono anche i turisti statunitensi. A conti fatti, conviene acquistare prodotti americani a Londra piuttosto che in patria. Il pound ha raggiunto infatti il suo livello più basso dal 1985.

C’è apprensione, ora, per le decisioni che verranno prese da Theresa May. Se il primo Ministro britannico bloccasse, come ha detto di aver intenzione di fare, la libera circolazione delle persone, per il turismo sarebbe un danno molto pesante.

Cambio Euro Sterlina dunque sempre preda delle incertezze politiche del momento.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*