Cambio Euro Sterlina oggi 02 Ottobre: Pound ancora giù

Perde ancora qualche punto percentuale il Pound nei confronti della moneta comunitaria. Cambio Euro Sterlina ancora al rialzo nella seduta odierna. Prezzo a 0,8660, dopo l’apertura a 0,8653, con un lieve aumento dello 0,08%. Borse in apprensione per la situazione finanziaria europea, ma per il momento gli investitori mantengono la fiducia. Economia inglese positiva, con l’ombra Brexit sempre dietro l’angolo.

cambio euro sterlina oggi 02 ottobre pound ancora giù

Cambio Euro Sterlina: referendum non pesa sull’economia Uk

Per il momento, la crisi tanto temuta derivante dall’uscita del Regno Unito dall’Eurozona, non è arrivata. Tuttavia, esperti, investitori e analisti non sono affatto certi che la situazione possa rimanere positiva ancora a lungo.

Ad onor del vero, però, i dati premiano la scelta dei cittadini inglesi. Il PIL del secondo trimestre 2016 della Gran Bretagna è cresciuto dello 0,7%. Su base annua, si prevede un aumento complessivo del 2,1%.

Meno 28 miliardi il deficit complessivo, meglio delle previsioni che se ne aspettavano 30. Buone notizie anche sul fronte degli investimenti delle imprese. Per la fine del 2016, si prevede un aumento complessivo dello 0,8%.

Nonostante l’ottima risposta di Londra alla Brexit, il governo inglese e i vertici europei sono chiamati ad un duro compito. Probabilmente si riuscirà ad evitare la recessione, ma il rallentamento della crescita economica del Regno Unito è dato per certo.

Parallelamente, la stessa sorte dovrebbe toccare all’Europa, a meno che non si verifichino eventi significativi. Le due valute, che risentono delle questioni politiche dell’Eurozona, potrebbero comunque rimanere stabili fino a fine anno, rafforzandosi nei confronti del Dollaro che dovrà far fronte a diversi scossoni.

Mario Draghi: UE in ripresa, ma con moderazione

Dopo essere stato chiamato a rispondere della politica monetaria della BCE, dal Parlamento tedesco, Mario Draghi è tornato a parlare della crescita europea.

La moneta unica si mostra forte difronte alle difficoltà economiche e politiche del momento. Il numero uno della Banca Centrale Europea ha dichiarato che: “Ci aspettiamo che la ripresa in Ue continui a passo moderato e stabile, ma con meno slancio di quanto previsto a giugno”.

Draghi ha continuando dicendo che è difficile fare previsioni sul medio e lungo termine. L’incertezza attuale potrebbe generare conseguenze peggiori del previsto. Ad ogni modo, il Presidente della BCE lancia un appello ai vari governi europei, sostenendo l’importanza di andare incontro alle aspettative dei cittadini.

In conclusione, l’incubo Brexit è forse il male minore a preoccupare i mercati. Cambio Euro Sterlina per ora stabile, ma potrebbero esserci sorprese, in un senso o nell’altro.

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*