Cambio Euro Sterlina oggi 03 Febbraio: moneta unica ancora su

Dopo l’impennata di ieri, la moneta unica mantiene oggi i guadagni raggiunti contro il pound britannico. Cambio Euro Sterlina attualmente a 0,8604, in rialzo dello 0,20%. L’asset, dopo aver aperto a 0,8587, si è mosso tra il minimo e il massimo di giornata rispettivamente di 0,8575 e 0,8615. Rendiconto di 1 anno al 13,05%. Gli indicatori tecnici segnalano l’acquisto per il breve, medio e lungo periodo. La Banca d’Inghilterra alza le stime sul PIL, ma rimane cauta sui tassi. Previsioni riviste al 2%, dall’1,4% precedentemente stimato. I mercati sembrerebbero aver trascurato le previsioni di crescita per la Gran Bretagna.

Cambio Euro Sterlina oggi 03 Febbraio moneta unica ancora su

Cambio Euro Sterlina: Theresa May presenta il Libro Bianco

La Premier britannica ha affidato al Ministro per la Brexit il compito di presentare al Parlamento i 12 punti sui negoziati per il divorzio tra Londra e Bruxelles.

David Davis ha sottolineato che il Libro Bianco è stato redatto con l’obiettivo di riportare la Gran Bretagna a riprendere il controllo delle sue leggi. Una visione ottimistica quella di Davis, che ha anche ribadito che per il Regno Unito arriveranno certamente tempi migliori.

Il partito laburista, all’opposizione, non si è mostrato tuttavia soddisfatto del piano del governo. Al Libro Bianco mancherebbero infatti informazioni importanti su questioni decisive. Come ad esempio il problema degli expat britannici.

Per quanto riguarda il mercato unico, invece, Davis sia mostrato più cauto rispetto a Theresa May. Sostenendo un negoziato graduale sia in merito ai controlli sull’immigrazione, sia per ciò che concerne le questioni doganali.

Il documento conta 77 pagine. Nel punto 5 si ribadisce il controllo all’immigrazione. Nel punto 8 si sottolinea l’importanza del libero commercio con i mercati europei. Nel punto 9 si parla di nuovi accordi commerciali con altri paesi. Il punto 11 spiega come il governo intenda portare avanti la lotta al crimine e al terrorismo. Il punto a 12, a conclusione del documento, attesta la volontà del governo di procedere ad un divorzio con Bruxelles in modo armonioso e ordinato.

BCE: acquisti titoli avanti

La crescita della Germania non muove Mario Draghi dalle sue posizioni. Nel bollettino della settimana della Banca Centrale Europea si legge infatti che l’istituto intende proseguire con gli acquisti di titoli. Anche oltre dicembre 2017, qualora si rivelasse necessario.

Secondo Draghi e colleghi, le attuali condizioni europee richiedono un grado di accomodamento monetario molto elevato.

I recenti dati economici, tuttavia, hanno attestato una crescita significativa. Per il momento certamente ancora troppo legata all’aumento del petrolio. Ad ogni modo, per la moneta unica si avvicina il momento della verità. Tra Brexit ed elezioni imminenti.

Cambio Euro Sterlina pronto per l’ondata di scossoni che si prevedono all’orizzonte.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*