Cambio Euro Sterlina oggi 08 Dicembre: sale il pound

Dopo l’apertura a 0,8518, il Cambio Euro Sterlina scende all’attuale quotazione di 0,8505, in ribasso dello 0,15%. Nella mattinata, la coppia EUR/GPB si è mossa tra il minimo di giornata di 0,8496 e il massimo di 0,8534. Le incertezze politiche ed economiche sia all’interno dell’UE che nel Regno Unito condizionano la quotazione. Su Bruxelles pesa la situazione italiana, in attesa dell’intervento di Mario Draghi sul piano QE. Londra è sempre alle prese con la questione Brexit. Continuano a non essere chiari i tempi e i modi del divorzio.

Cambio Euro Sterlina oggi 08 Dicembre sale il pound

Cambio Euro Sterlina: la situazione in Italia

Il Bel Paese è protagonista di questa settimana di mercato. Lunedì mattina, la vittoria del NO al referendum costituzionale ha gettato nel caos le Borse, ma solo per poco. Al contrario delle previsioni, la caduta del Premier Matteo Renzi è stata assorbita con positività dagli investitori. E sia la moneta unica che il comparto azionario hanno viaggiato al rialzo per due giorni.

Rimane difficile la situazione delle banche. Ma anche l’economia del Paese desta preoccupazione. Il 28% degli italiani è a rischio povertà. La percentuale sale al 46% se si analizza solo la condizione del sud Italia.

Il 5,4% delle famiglie è inoltre indietro con il pagamento delle rate dell’affitto o del mutuo. Si tratta della percentuale più alta dal 2004.

Mentre Bruxelles rassicura che la crisi italiana non avrà ripercussioni sull’Europa, MPS chiede tempo. Sostenendo che le dimissioni di Renzi non renderebbero possibile l’attuazione del programma di salvataggio nell’immediato.

Entro Martedì, il Presidente della Repubblica Mattarella dovrebbe decidere se andare al voto subito o se formare un governo di responsabilità. L’opposizione vuole le elezioni.

Brexit: Londra risponde a Bruxelles

Nella giornata di Martedì, il negoziatore UE Barnier aveva quantificato in 18 mesi le tempistiche per concludere tutte le pratiche per l’uscita del Regno Unito dall’Europa.

Nel frattempo, la Corte Suprema britannica si è riunita per discutere sul voto del Parlamento in merito al piano Brexit stabilito dal Governo.

Theresa May ha affermato che il divorzio si concluderà entro due anni. La Camera dei Comuni ha approvato ieri una mozione in base alla quale il Governo britannico si impegna a rivelare il piano dei negoziati, prima che venga applicato l’articolo 50.

La May conferma che entro Marzo verrà avviata la trattativa. Secondo alcune indiscrezioni, non confermate, la Gran Bretagna sarebbe disposta anche a pagare, pur di mantenere l’accesso al mercato unico.

Cambio Euro Sterlina sempre preda dei timori del periodo. C’è chi sostiene che la situazione italiana sia peggiore della Brexit. In ogni caso, il Vecchio Continente si avvia verso un 2017 molto difficile.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*