Cambio Euro Sterlina oggi 10 Gennaio: pound ancora giù

Moneta unica vicina ai massimi degli ultimi due mesi contro il pound britannico. Nella seduta odierna, la valuta inglese ancora sottopressione, spinta al ribasso dai timori Brexit. Cambio Euro Sterlina attualmente a 0,8699, su dello 0,03%. Come si può notare dal grafico, la coppia EUR/GPB ha raggiunto in mattinata il massimo di 0,8763, livello più alto dal 10 Novembre. Rendiconto di un anno al 15,75%. Indicatori tecnici segnalano l’acquisto sul giornaliero e sul mensile. Incertezza per il breve termine. La paura di una Hard Brexit si fa sempre più insistente. Avvio dei negoziati ormai vicino.

Cambio Euro Sterlina oggi 10 Gennaio pound ancora giù

Cambio Euro Sterlina: diktat a UE di Theresa May

Noncurante dei timori di cittadini, analisti ed economisti, Theresa May prosegue per la sua strada. La cui direzione, tuttavia, rimane ancora sconosciuta ai più. Di fatto, le ultime parole della Premier britannica hanno gettato ancora ombre sul futuro del Regno Unito. Prime conseguenze sulla sterlina, di nuovo in crollo dopo Giugno e Novembre.

In una recente intervista, la May ha ribadito che la Gran Bretagna non è disposta a scendere a compromessi e che la Brexit sarà totale. Il Regno Unito vuole mantenere il controllo sull’immigrazione, anche a discapito della permanenza nel mercato unico.

Il Governo sarebbe alla ricerca di un accordo ad hoc per agevolare le aziende inglesi, una volta portato a termine il divorzio da Bruxelles.

Sono due i principi sui quali la Premier non transige. La totale gestione dell’immigrazione e la fine del Controllo della Corte Europea sul mercato.

Confermata l’attivazione dell’articolo 50 entro Marzo 2017.

Ancora polemiche dopo le dichiarazioni del dimissionario Sir Ivan Rogers. Ex ambasciatore di Londra a Bruxelles, rimpiazzato da Tim Barrow. Rogers aveva accusato il Governo di non avere la benché minima idea di come gestire la Brexit. Immediata la risposta di Theresa May:

 “Il nostro pensiero non è affatto confuso. Sì abbiamo perso del tempo ma è stato importante per noi per affrontare e guardare al meglio i problemi”.

Non è infine escluso che la Premier cercherà di portare dalla sua parte il nuovo Presidente USA Donald Trump.

Forex: il pound cola a picco

Per il momento, l’unico risultato del pugno duro di Theresa May è il nuovo calo della valuta britannica. La moneta sta toccando in queste ore i livelli minimi di due mesi, sia contro il dollaro che contro la divisa europea.

Gli analisti prevedono che il pound rimarrà debole finché il Governo non chiarirà apertamente quali sono i piani per condurre il Regno Unito fuori dall’Europa.

Non manca, tuttavia, chi prevede per il Cambio Euro Sterlina una decisa sterzata in favore del pound. Che nel corso dell’anno potrebbe diventare una tra le valute meglio performanti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*