Cambio Euro Sterlina oggi 12 Dicembre: sale il pound

Mattinata caratterizzata da forti oscillazioni per la coppia EUR/GPB. Che prima sale al massimo di giornata di 0,8428, per poi scendere di nuovo. Cambio Euro Sterlina attualmente a 0,8389, giù dello 0,14%. Rendiconto di 1 anni rimane ancora positivo, al 15,91%. UE in difficoltà, dopo la decisione della BCE di prolungare il piano QE per un altro anno. Rimane critica anche la situazione italiana. Scelto Paolo Gentiloni come nuovo premier, ma l’opposizione punta al voto. Theresa May chiamata a tutelare i diritti dei cittadini europei in GB.

Cambio Euro Sterlina oggi 12 Dicembre sale il pound

Cambio Euro Sterlina: gestori britannici temono perdita passaporto europeo

Un recente sondaggio attesta che ben due terzi dei gestori britannici teme di perdere la possibilità di vendere in Europa, una volta che verrà ufficialmente avviata la procedura per la Brexit.

Timori alimentati dal caos interno, ma soprattutto dalle dichiarazioni del Ministro delle Finanze tedesche. Nell’ultima riunione a Bruxelles, Wolfgang Schauble ha ribadito che se la Gran Bretagna applicherà leggi più restrittive sugli ingressi di immigrati europei nel Regno Unito, le istituzioni finanziarie britanniche potrebbero perdere il passaporto europeo.

L’UE continua dunque ad appellarsi alle libertà fondamentali garantite dal proprio ordinamento giuridico. Tra queste, la libera circolazione delle persone e delle merci.

Se dovesse essere Hard Brexit, l’85% dei gestori britannici è pronto a spostare il proprio personale nelle altre filiali in Europa. Molti degli istituti hanno infatti già altre sedi a Dublino e in Lussemburgo.

Nel frattempo, Theresa May ha di fronte a sé il difficile compito di fare da mediatrice tra le due correnti interne che, rispettivamente, vogliono una Hard Brexit e una Soft Brexit.

Il primo ministro britannico avverte che non verrà presa né l’una né l’altra strada. Sarà Brexit e basta, tuttavia mantenendo un profilo ambizioso.

La leader del Governo inglese ha comunque assicurato che verrà rispettata la volontà popolare espressa nel referendum del 23 Giungo. Dunque Londra punta a riconquistare il controllo dei confini e del denaro. Alle migliori condizioni possibili.

Italia: incarico a Gentiloni

Nel mentre, prosegue la crisi di governo in Italia. Il Presidente della Repubblica Mattarella ha conferito ieri l’incarico di formare il nuovo Governo a Paolo Gentiloni. Braccio destro di Matteo Renzi, premier uscente.

Il nuovo Presidente del consiglio è alle prese oggi con la lunga serie di consultazioni, per scegliere i nomi dei nuovi ministri. Probabilmente, saranno svariate le riconferme.

In serata, Gentiloni salirà al Quirinale per presentare la lista. Governo lampo, a causa dei tempi ristrettissimi con i quali il Bel Paese si trova a fare i conti, per una serie di emergenze da gestire il prima possibile. Serve una nuova legge elettorale. Altissima la preoccupazione per MPS.

Cambio Euro Sterlina sempre specchio di politiche interne in pieno caos. Si prospetta un 2017 rovente. Con le due monete in bilico.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*