Cambio Euro Sterlina oggi 16 Dicembre: quotazione stabile

Dopo il tentativo di ieri del pound britannico di affossare la moneta unica, l’asset riprende oggi a viaggiare in sostanziale equilibrio. Cambio Euro Sterlina attualmente a 0,8408, in rialzo dello 0,21%. Gli analisti prevedono che la quotazione possa assestarsi su questi livelli, almeno fino a fine anno. Il valore della moneta unica è dunque più alto, nella seduta odierna, contro tutte le principali valute rivali. La sterlina, al contrario, dopo la spinta di FED e BoE, non è riuscita a spingersi oltre il lieve recupero di ieri.

Cambio Euro Sterlina oggi 16 Dicembre quotazione stabile

Cambio Euro Sterlina: la condizione del pound britannico

La Federal Reserve e la Bank of England si sono pronunciate, durante questa settimana, sui tassi di interesse sia USA che GB. Mentre la banca centrale statunitense ha deciso per un rialzo dei tassi e per una politica monetaria futura sempre più falco, l’istituto britannico ha invece optato per lasciare tutto così com’è. In sostanza, così come aveva già deciso la BCE prolungando il quantitative easing.

In un simile contesto, si può ben supporre che la Sterlina subirà un’ulteriore svendita. Infatti, il mercato attuale sembra favorire di gran lunga il Dollaro, contro tutte le principali valute estere.

Prima della fine dell’anno, il pound non dovrebbe subire alcun tipo di crollo, pur mantenendosi al ribasso. Da qui alla fine del 2016, oltretutto, c’è di mezzo il Natale. Periodo storicamente caratterizzato da una volatilità ridotta.

Nei primi mesi del 2017 è invece probabile che il pound testi e scenda addirittura oltre gli attuali supporti. Considerando anche che entro marzo Theresa May dovrebbe annunciare ufficialmente l’applicazione dell’articolo 50.

La Brexit non fa più certamente paura come a Giungo. Tuttavia, le negoziazioni tra Londra e Bruxelles appaiono di difficile gestione. E la Sterlina potrebbe subirne le maggiori conseguenze.

MPS: BCE dà vita breve all’istituto

Sul fronte europeo, continua a tenere banco la situazione del comparto bancario in crisi in Italia. Le condizioni di Monte dei Paschi di Siena sembrano ormai irreversibili.

Da Francoforte, arriva il report BCE sulle possibilità per l’istituto italiano di far fronte ad un forte stress. Secondo la Banca Centrale Europea, se dovessero verificarsi eventi avversi, l’istituto italiano sopravvivrebbe solo 29 giorni. Senza avversità, l’autonomia di MPS potrebbe durare 12 mesi.

Ricordiamo che Draghi e colleghi hanno negato all’istituto italiano la proroga di 20 giorni per il perfezionamento della ricapitalizzazione da 5 miliardi di euro.

Cambio Euro Sterlina che dunque, come detto, si avvia a chiudere l’anno senza sorprese in vista. Anche se, nel 2017, potrebbero verificarsi diversi scossoni.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*