Cambio Euro Sterlina oggi 25 Gennaio: la quotazione inverte il trend

In questi minuti una brusca inversione sta caratterizzando il Cambio Euro Sterlina. Dopo aver aperto a 0,8570, accennando un’ulteriore salita, l’asset è sceso fino al minimo di giornata di 0,8534. La coppia EUR/GPB segna ora, infatti, un ribasso dello 0,42%. Gli indicatori tecnici segnalano la vendita per il breve e medio periodo. Acquisto consigliato per le operazioni mensili. Mercati ancora con i fari puntati sui negoziati Brexit. Ieri, altro capitolo amaro per Theresa May. Con la Corte di Londra che ha sentenziato l’obbligo dell’approvazione del parlamento, per l’attivazione dell’articolo 50.

Cambio Euro Sterlina oggi 25 Gennaio la quotazione inverte il trend

Cambio Euro Sterlina: cosa accadrà dopo la sentenza della Corte britannica?

L’Alta Corte di Londra ha deciso: sarà il Parlamento sovrano a decidere sulla Brexit. Dunque, Theresa May dovrà consultare i deputati di Westminster prima di stabilire le modalità e le tempistiche per il divorzio tra UK e UE.

La Corte ha infatti stabilito che l’attivazione autonoma dell’articolo 50, da parte del Governo, è incostituzionale.

La decisione, agli anti europeisti, è apparsa come un affronto nei confronti della volontà popolare. I sudditi di Sua Maestà, infatti, hanno scelto, il 23 Giungo 2016, di lasciare l’Unione Europea.

Tuttavia, la sentenza emanata ieri non mette in discussione l’esito del referendum. Ad onor del vero, il Parlamento britannico conta 480 deputati in favore della permanenza in Europa. Contro 150 contrari. Ma è chiaro che non è possibile ignorare l’esito del voto di Giugno.

Il Governo, dopo la sentenza della Corte, ha fatto sapere che non cambierà la propria strategia. Sembra però scontato che il Parlamento opererà quantomeno per ammorbidire la posizione di Theresa May. Cercando di consentire a Londra la permanenza nel mercato unico.

La Corte, d’altra parte, ha anche stabilito che i rappresentanti di Scozia, Galles e Irlanda del Nord non avranno voce in capitolo. Ma il Governo è chiamato comunque ad affrontare anche la posizione contraria alla Brexit dei territori annessi al Regno Unito.

UE: piano Bruxelles per risolvere il problema dell’immigrazione

Intanto, a Bruxelles si lavora per mettere un fermo al dramma del Canale di Sicilia. Che con la Primavera alle porte ospitare nuovamente un imponente flusso migratorio proveniente dalla Libia.

Per la prima volta, l’Europa si mostra solidale all’Italia e predispone un piano di blocco per combattere i trafficanti.

I tempi, forse, sono troppo stretti, ma la volontà c’è. Sulle navi italiane saranno dunque presenti anche militari di altri Paesi dell’Unione. Tanto più che si stima sarebbero circa un milione i libici pronti ad imbarcarsi per l’Italia.

Cambio Euro Sterlina quindi sempre afflitto dalle difficoltà interne. Se l’Europa vuole prevalere, dovrà cooperare sotto tutti i punti di vista.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*