Cambio Euro Sterlina oggi 30 Ottobre: il Pound non ce la fa

Nonostante la sorpresa positiva dei dati sul PIL britannico, la valuta inglese tenta invano il recupero sulla moneta unica. Cambio Euro Sterlina che chiude al rialzo l’ultima seduta di mercato. Trend che probabilmente proseguirà alla riapertura di Lunedì. L’economia britannica, tuttavia, va meglio di quella europea. Prossimi mesi decisivi: la Brexit è alle porte, così come le decisioni della BCE sul QE. La situazione interna di Regno Unito e dell’Unione Europea rimane comunque instabile.

Cambio Euro Sterlina oggi 30 Ottobre il Pound non ce la fa

Cambio Euro Sterlina: come sta cambiando Londra

L’immigrazione era e rimarrà un punto chiave per la vita della Gran Bretagna. Il Regno Unito è infatti cresciuto, nel corso dei secoli, proprio grazie agli immigrati. Eppure la questione è stata una delle motivazioni principali che hanno spinto i sudditi di Sua Maestà a far prevalere il “Leave” al referendum.

Londra, attualmente, supera di gran lunga New York per numero di posti di lavoro altamente qualificati. Grazie alle nuove culture provenienti dall’esterno.

Non solo le banche, ma anche gli imprenditori temono fortemente che questo impero possa crollare. E che la città (e più in generale la Nazione) possa svuotarsi. Con danni peraltro catastrofici.

Un monito al governo è stato lanciato direttamente dal famoso storico Jerry White. Lo studioso sostiene che sia indubbio che la grandezza di Londra sia stata costruita sull’immigrazione. In base a ciò, suonano bizzarre e preoccupanti le decisioni del governo di distruggere quelle che, a tutti gli effetti, sono le fondamenta della capitale britannica.

Se Theresa May dovesse punta i piedi contro Bruxelles, i danni andrebbero decisamente al di là della chiusura dei cancelli del mercato unico.

Regno Unito: Hard Brexit o Soft Brexit?

Approfittiamo della pausa di mercato per ricapitolare le possibili strade che il governo britannico può prendere. Con lo scopo di sancire l’uscita dall’Unione Europea.

La soluzione più probabile, nonché la più netta, è quella definita “Hard Brexit”. Scegliendo questo tipo di strada, il Regno Unito abbandonerebbe l’UE e tutti i trattati e le istituzioni europee di cui fa parte. Zero potere decisionale in Europa dunque.

Verrebbe poi interrotta la libera circolazione dei cittadini negli Stati dell’Eurogruppo. Questione che, vista con gli occhi di Theresa May, significa totale libertà di far entrare e uscire dal Paese solo coloro che il governo vuole. La nota dolente riguarderebbe l’accesso al mercato unico non più consentito a Sua Maestà.

Con una “Soft Brexit” il Regno Unito si ritroverebbe più o meno nella stessa situazione di Norvegia e Svizzera. Ovvero autorizzata ad accedere al mercato unico, ma soggetta alle regole europee.

Per capire come si muoverà il Cambio Euro Sterlina nel prossimo futuro, non resta che attendere gli avvenimenti politici ed economici che potrebbero cambiare il volto del Vecchio Continente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*