Cambio Euro Sterlina oggi 31 Gennaio: moneta unica sale

Sulla scia dell’aumento dell’inflazione a Gennaio per la zona euro, la moneta unica viaggia al rialzo, nella seduta odierna di mercato, contro tutte le principali valute rivali. Cambio Euro Sterlina attualmente a 0,8620, su dello 0,65%. L’asset ha aperto a 0,8564, per poi muoversi tra il minimo e il massimo di giornata rispettivamente di 0,8547 e 0,8632. Rendiconto di 1 anno al 12,46%. Indicatori tecnici segnalano la vendita per il breve, medio e lungo periodo. Mantenendosi neutrali per le operazioni giornaliere.

Cambio Euro Sterlina oggi 31 Gennaio moneta unica sale

Cambio Euro Sterlina: Londra apre il dibattito Brexit

E’ iniziato oggi alle 12:00, a Londra, il dibattito sul progetto di legge per avviare i negoziati Brexit. Secondo le intenzioni del Governo britannico, l’articolo 50 potrebbe essere attivato tra il 9 e il 10 Marzo, in occasione del prossimo vertice UE.

Il Governo, come stabilito dall’Alta Corte di Londra, è chiamato a chiedere l’autorizzazione del Parlamento per dare il via libera alle negoziazioni con Bruxelles. Il voto finale è atteso dopo l’8 Febbraio, ultimo giorno di consultazioni.

Secondo diverse fonti, l’obiettivo dei deputati di Westminster sarà quello di modificare il decreto affinché si garantisca la permanenza del Regno Unito all’interno del mercato unico.

Tuttavia, il partito conservatore di Theresa May ha la maggioranza in Parlamento. E l’opposizione laburista, stando alle promesse fatte, non dovrebbe bloccare il progetto.

Nel frattempo, Nicola Sturgeon, Premier scozzese, lancia un ultimatum alla sua omologa. Queste le sue parole, riportate da una testata giornalistica locale:

Questa è una delle mie ultime possibilità fondamentali per far comprendere al Primo Ministro che ho bisogno di vedere qualche movimento da parte sua, e lei avrà la possibilità, entro un paio di settimane, di mostrare che questo movimento non si farà attendere”.

La Sturgeon ha anche accennato ad un nuovo referendum sull’indipendenza della Scozia. Che potrebbe essere indetto prima che la Gran Bretagna lasci l’Europa.

Mario Draghi: integrazione finanziaria non si dia per scontata

Aprendo un convegno sul mercato digitale a Francoforte, il numero uno della BCE ha dichiarato che l’istituto, assieme alle banche europee, sta lavorando per un’integrazione finanziaria più completa.

Affinché ciò avvenga, ha ribadito Draghi, occorre che il mercato unico finanziario comprenda anche l’integrazione del mercato dei capitali.

Nel frattempo, l’inflazione UE raggiunge l’1,8%. Nel quarto trimestre 2016, il PIL è cresciuto dello 0,5% e dell’1,6% su base annua. Cala anche la disoccupazione, scesa al 9,6% contro il 9,7 di Novembre.

Cambio Euro Sterlina all’insegna della battaglia. Si punta alla crescita. C’è chi ci prova insieme e chi preferisce fare da solo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*