Cameron: “Bisogna rafforzare il fondo salva-stati”

Il premier britannico, David Cameron, continua a fornire nuovi input all’economia europea: dopo l’intervista della scorsa settimana, Cameron è tornato a parlare della crisi economica europea. Secondo il premier britannico, la soluzione fondamentale è il Fondo Salva-Stati: è fondamentale rafforzare il fondo per poter intervenire sulle banche più esposte alla crisi. Cameron ha spiegato che il disastro economico dell’Europea è alle porte: il Vecchio Continente ha poche settimane per risolvere le proprie questioni. Serve uno strumento di risoluzione definitiva, denominato da Cameron “grande bazooka”: aumentare la dotazione dell’Efsf, il fondo salva stati. Aumentando la dotazione dagli attuali 440 miliardi di euro a 2 mila miliardi, le banche più esposte alla crisi potrebbero risollevarsi, fermando di fatto il contagio che è partito dalla situazione economica fallimentare della Grecia. Cameron ha anche esortato Francia e Germania, chiedendo ai due paesi europei di mettere da parte le loro obiezioni sulla ricapitalizzazione delle banche e sul fondo salva-stati europeo: il tempo è davvero poco, la situazione è molto pericolosa e non si possono avere ulteriori indugi di fronte a questa crisi. Inoltre serve un piano di cinque punti che dovrebbe chiudere la volatilità e l’incertezza dell’economia europea, fattori che stanno avendo pessimi effetti anche sulle altre economie mondiali.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*