Carburanti: prezzi internazionali giù, ma niente cali in Italia

Il monitoraggio di “Quotidiano energia” porta una buona notizia: i prezzi dei carburanti sui listini internzionali sono in calo. Dunque ci si aspetterebbe a breve un repentino calo del prezzo dei carburanti anche in Italia. Ma purtroppo non è così: nonostante il calo internazionale, i prezzi italiani restano stabili, e dunque sempre troppo elevati. L’unica compagnia che ha ritocca, seppur di poco, i prezzi verso il basso, è stata la Shell, che ha abbassato il costo della benzina di 0.5 centesimi di euro. In molti malignano sul fatto che le compagnie non abbiano intenzione di ribassare i prezzi in questo periodo, dato che ci troviamo in mezzo a due festività: quella appena trascorsa, del 25 Aprile, e la prossima del 1 Maggio. Un periodo sfruttato da molti italiani per muoversi con i propri mezzi, per piccole vacanze o gite fuori porta, anche di una sola giornata. E così i prezzi medi in Italia restano invariati: il prezzo medio della benzina oscilla fra l’1,,896 euro/litro di Esso e l’1,903 di Shell e Tamoil, mentre per il gasolio il prezzo medio oscilla fra l’1,773 euro/litro di Eni e l’1,784 di Q8. I prezzi subiscono dei picchi in diverse zone del paese: basti pensare che nel centro Italia, la benzina viene venduta anche a 1,981 euro/litro, mentre il picco del diesel è riscontrabile al Sud, dove un litro di gasolio può costare anche 1,818 euro.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*