Confesercenti: “Rischio chiusura totale dei negozi in dieci anni”

negoziLa Confesercenti lancia un allarma davvero importante: l’associazione dei commercianti infatti decreta la possibile chiusura dei negozi al dettaglio in Italia. E’ una previsione, forse troppo pessimista, ma da prendere assolutamente in considerazione: la crisi delle imprese, il crollo dei consumi, sono due situazioni che lo Stato non riesce a risolvere. A pagarne il prezzo potrebbero essere proprio i commercianti: secondo la Confesercenti infatti la desertificazione delle attività sta prendendo sempre di più piede in Italia. Confesercenti ha registrato la chiusura di 21.000 imprese nei primi mesi del 2013, un numero davvero alto: con questo ritmo, si rischia di veder chiudere 43.000 negozi alla fine del 2013. Proprio per questo, lo scenario è tragico: in dieci anni, in Italia potrebbe scomparire l’intera rete dei negozi al dettaglio. Un allarma da non sottovalutare. L’organizzazione dei  commercianti chiede con forza provvedimenti: le cause sono ormai note, serve dunque un incentivo ai consumi, magari con una pressione fiscale più leggera. “Sull’Iva si passi dalle parole ai fatti, perché il Paese è a un passo dal baratro: con un aumento dell’aliquota, i consumi si contrarrebbero ulteriormente e la crisi delle imprese del commercio al dettaglio si aggraverebbe. E lo scenario terribile di un Paese senza più negozi di vicinato rischia di avverarsi” spiegano da Confesercenti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*