Confindustria, John Elkann si è dimesso dalla carica di vicepresidente

Nelle scorse settimane abbiamo parlato dell’uscita di Fiat da Confindustria, a partire dal primo gennaio 2012. Questo abbandono ha portato una nuova conseguenza: infatti il presidente di Fiat, John Elkann, era il vice presidente di Confindustria. Con tre mesi di anticipo però John Elkann si è dimesso da Confindustria, dalla carica di vice presidente. Una scelta che appare corretta ed in linea con le scelte dell’azienda del Lingotto, una scelta che è stata ufficializzata con una lettera inviata alla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia. “La fine dei miei impegni negli organi direttivi di Confindustria non cambia nè i nostri rapporti personali nè gli intendimenti che da sempre ci vedono uniti: sono certo che entrambi continueremo a lavorare con passione e determinazione per assicurare le migliore prospettive di sviluppo all’industria italiana” spiega Elkann, che nel proseguo della lettera parla di una scelta che evidenzia tutta la chiarezza del gruppo Fiat. Inoltre si tratta di una scelta che rafforza l’indipendenza della stessa Confindustria. “Convinto della necessità di questa scelta, avevo peraltro maturato l’intenzione di portare a termine gli impegni associativi fino a quella data. Ma la stima che mi lega a te e il rispetto che nutro nei confronti di Confindustria mi inducono a un gesto di ulteriore chiarezza, lasciando da oggi stesso l’incarico che mi era stato assegnato, nell’interesse dell’autonomia e dell’indipendenza dell’associazione” conclude Elkann. Il vicepresidente di Confindustria, Alberto Bombassei, ha giudicato positivamente questa uscita di Elkann, affermando che “è coerente con la scelta di Fiat”.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*