Confindustria, Squinzi replica al Cavaliere: “Lo spread è importante”

Nei giorni scorsi, Silvio Berlusconi aveva etichettato lo spread come un imbroglio, qualcosa di sicuramente non rilevante. Sono piovute molte critiche a riguardo, fra i tanti anche il numero uno di Confindustria, Giorgio Squinzi, ha voluto dire la sua. “Siamo nel campo di un’opinione personale. Lo spread invece è importante perché impatta direttamente sul costo del nostro debito pubblico e quindi sulla possibilità di destinare fondi, invece che a pagare interessi, a ridurre il cuneo fiscale che è quello che poi è più importante per rilanciare economia del Paese” spiega Squinzi. Il leader di Confindustria non vuole farsi condizionare dalle reazioni dei mercati: per fare una buona politica, non bisogna guardare alle reazioni isteriche del momento. E’ questo il suo pensiero, espresso a margine dei lavori del Centro Studi. Squinzi propone la sua ricetta per la ripresa: “bisogna creare le condizioni ideali per poter riprendere a investire e a fare occupazione” spiega Squinzi, che ribadisce ancora una volta l’importanza di politiche che possano incentivare l’occupazione. A proposito di politica, Squinzi ha parlato anche delle prossime elezioni: il numero uno di Confindustria si è detto preoccupato per il clima che si sta creando, sopratutto perchè si parla poco dei temi economici. “L’economia non è al centro del dibattito e sono preoccupato perché anche negli ultimi confronti, si è parlato di tutto tranne che di economia. Non possiamo permetterci una campagna elettorale di facili riforme, ne possiamo tornare indietro dalla strada delle riforme” conclude

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*