Dash: brusca frenata

Dopo il buon rialzo dei giorni scorsi, il prezzo Dash subisce una frenata consistente. La coppia DASH/USD viene attualmente scambiata a 400 dollari, dopo aver aperto a 433. Sono dunque 33 i punti persi, che hanno generato un ribasso di oltre l’8%. La moneta ha toccato il minimo giornaliero di 392 dollari. La vendita viene preferita nel breve e medio periodo. Neutralità sul lungo termine. Tuttavia, analizzando i grafici settimanali, non si può ancora definire la tendenza odierna come una nuova linea ribassista.

Dash: UK lancia Task Force per le criptovalute

Da segnalare una notizia importante che riguarda tutto il mondo delle criptovalute e non solo Dash.

Nella giornata di ieri, il ministro delle finanze britannico Philip Hammond ha annunciato la creazione di una nuova task force cripto-asset. Assieme ad altri provvedimenti riguardanti il settore finanziario.

L’iniziativa coinvolgerà la Bank of England e la Financial Conduct Authority (FCA). In un momento in cui lo spazio della moneta digitale sta subendo pressioni crescenti da parte dei governi di tutto il mondo che chiedono più regolamentazione del mercato decentralizzato.

L’obiettivo del governo britannico è quello di rendere il Regno Unito come il posto migliore per le aziende globali di fintech. Il tutto è certamente parte di un programma più ampio volto a salvaguardare il Paese dopo l’uscita dall’ERuropa.

Tra le altre cose, Hammond ha dichiarato che:

Ogni ora un nuovo business tecnologico viene fondato nel Regno Unito. E il mio obiettivo è che si arrivi farlo ogni mezz’ora. Le nostre porte saranno sempre aperte agli innovatori e agli inventori.

Il ministro britannico ha promesso anche un ponte fintech con l’Australia. Con lo scopo di espandere la collaborazione sulla regolamentazione e le politiche che circondano il settore delle criptovalute.

Questa notizia arriva in un momento in cui sulle monete digitali sta pesando una forte volatilità a causa dei timori su una possibile guerra commerciale.

In questo contesto, investire su Dash potrebbe rivelarsi come scelta vincente per arginare i rischi.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*