Dash: orsi in pole

Ancora una giornata in discesa per il prezzo Dash che è in perdita di oltre il 2%, nella seduta odierna di mercato. La coppia DASH/USD viene attualmente scambiata a 356 dollari. Dopo aver aperto la seduta a 365. Minimo e massimo toccati oggi rispettivamente di 349.5 e 380.59. La vendita sembra attualmente preferita dal brevissimo al lungo termine. Con gli orsi che prevalgono sui tori in modo deciso. I grafici settimanali evidenziano un netto ribasso. Se dovesse essere rotto il supporto di 350 dollari, la valuta potrebbe ritrovarsi in aree pericolose. Tuttavia, nuovi progetti della società potrebbero rilanciare il mercato.

Dash: la nuova piattaforma Evolution

Dash Core Group, la società statunitense che ha guidato lo sviluppo della criptovaluta Dash, ha depositato un brevetto provvisorio relativo ad una nuova piattaforma chiamata Evolution. Il progetto dovrebbe essere lanciato nella versione Alpha, entro il 2018.

Il brevetto riguarda la registrazione e l’archiviazione dei metadati relativi agli account utente.  Il gruppo ha dichiarato di aver depositato il brevetto a fini difensivi. E di concedere liberamente le proprie innovazioni al pubblico in base ai termini e alle condizioni di una politica di licenza di accompagnamento.

Il CEO di Dash Core, Ryan Taylor, ha spiegato che:

In modo simile a come Tesla ha aperto i propri brevetti per le tecnologie automobilistiche elettriche, abbiamo ritenuto che valesse la pena richiedere un livello minimo di protezione per il nostro brevetto. Utilizzando una serie di criteri di licenza simili alla clausola “Good Faith” di Tesla con i suoi brevetti aperti, ora possiamo liberamente concedere la licenza al pubblico.

L’attesissima piattaforma Evolution promette di introdurre significativi miglioramenti e diversi importanti sviluppi. Nei prossimi mesi, la società inizierà a condividere le specifiche del progetto.

Investire su Dash, quindi, significa puntare su una valuta in crescita. Che entro la fine dell’anno potrebbe di nuovo essere lanciata verso i massimi storici.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*