David Cameron al vertice Ue: “Difenderemo gli interessi britannici”

Il primo ministro britannico, David Cameron, è stato categorico: “Difendere e promuovere gli interessi britannici. E’ questa la sua posizione e la porterà avanti anche ai negoziati dell’Unione Europea. Sul banco c’è l’importante Tobin Tax, che andrebbe a colpire in particolare la City ed i suoi interessi: Cameron è stato chiaro, se verrà applicata ovunque, sarà accettata anche dal Regno Unito. Il rischio è – secondo i tabloid inglesi – che Cameron possa fare saltare l’accordo proposto da Merkel e Sarkozy, ponendo un veto sulla modifica dei trattati europei. Cameron sembra essere più vicino alle posizioni della Francia, che propone un accordo esclusivo per i Paesi dell’Euro Zona, a differenza della proposta della cancelliera tedesca Angela Merkel, che vorrebbe estendere l’accordo a tutta l’Unione Europea, dunque Regno Unito incluso. “Non firmerò un trattato che non contenga una salvaguardia dei nostri interessi, nella fattispecie sull’importanza del mercato comune e sui servizi finanziari. Chiaramente, se i Paesi dell’Eurozona andassero avanti su un trattato separato fra di loro, questo non sarebbe un accordo che richieda la firma della Gran Bretagna. Ma se invece propenderanno per un trattato paneuropeo, allora noi insisteremo per ricevere le garanzie e le protezioni di cui il nostro Paese ha bisogno” spiega il premier Cameron.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*