Decreto Milleproroghe, fondi per la Sla ed il Cinema

Arrivano nuove indiscrezioni sulle norme contenute nel decreto Milleproroghe, approvato in questi giorni dal Consiglio dei Ministri. Secondo quanto trapela da Roma, sarebbero stati destinati ben cento milioni di euro all’assistenza e alla ricerca per i malati di sclerosi laterali amiotrofica, conosciuta con l’acronimo SLA. Sarebbe un importante investimento contro questa malattia: un quarto dei 400 milioni di euro derivanti dal 5 per mille, infatti sono andati proprio alla lotta contro la SLA. C’era grossa delusione invece fra le associazioni cinematografiche: è vero, è stato smentito l’aumento dei biglietti del cinema in un primo momento paventato, ma non ci sono grandi contributi per il mondo del cinema. Esprime tutto il suo dissenso Maurizio Roi, vice presidente dell’Agis. “Dopo mesi di proteste di operatori, artisti e associazioni. Dopo la solidarietà espressa da tanti esponenti politici di maggioranza e di opposizione, il consiglio dei ministri ha totalmente ignorato la richiesta di reintegro del Fus (Fondo unico dello spettacolo) 2011, che resta dunque inchiodato alla cifra improponibile di 258 milioni di euro”. Critiche anche dalla Fieg, Federazione degli editori di giornali. “Apprendo che nel decreto legge sarebbe stato ridotto da 100 a 50 milioni il contributo per l’editoria previsto dalla legge di stabilità per il 2011. Resto attonito e non posso non sottolineare che un tale modo di procedere evidenzia  il totale disinteresse per chi amministra aziende in gravi situazioni finanziarie, che vede, nel giro di pochi giorni, mutato il quadro di riferimento finanziario e la stessa bancabilità dei propri bilanci” spiega Carlo Malinconico, presidente Fieg.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*