Draghi: “Riduciamo le spese del 7% e avremo un bilancio in pareggio”

Si è tenuto nei giorni scorsi, a Palazzo Koch, un convegno molto importante sulle infrastrutture in Italia: “Le infrastrutture in Italia: dotazione, programmazione, realizzazione”. Fra gli esperti intervenuti a questo convegno, l’intevento più interessante è stato quello di Mario Draghi, governatore della Banca d’Italia. Draghi ha proposto la sua ricetta per il pareggio di bilancio, spiegando inoltre come si stia riprendendo l’economia italiana, ossia in maniera molto lenta. “Il documento di finanza pubblica recentemente approvato dal Consiglio dei ministri punta a un sostanziale pareggio nel 2014, da un disavanzo pari al 4,6% del pil nel 2010. Una tale correzione, effettuata solo dal lato delle spese, implica una loro riduzione del 7 per cento in termini reali. L’obiettivo è conseguibile solo se vi concorreranno tutte le principali voci di spesa” spiega il governatore della Banca d’Italia. “Da vari anni l’italia cresce a un ritmo insoddisfacente, che si riflette in redditi stagnanti, problemi occupazionali, maggiori difficoltà a gestire la finanza pubblica. Il riavvio del processo di crescita – continua Draghi – passa per un aumento dei tassi di occupazione, soprattutto giovanile e femminile; maggiori investimenti in capitale fisico; mercati, servizi pubblici e regolamentazioni che facilitino l’accrescimento della produttività”. Draghi alla fine del suo intervento ha rivolto l’attenzione sulla crisi che è stata superata dall’Italia, seppur con una crescita lentissima: infatti il nostro paese mantiene un tasso di crescita potenziale fra i più bassi degli altri principali paesi europei.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*