Edison, è scontro Italia-Francia: Quadrino non è più a.d.

La battaglia fra Francia e Italia che sta salendo alle cronache in queste settimane vede un nuovo capitolo: dopo i problemi per la scalata di Lactalis in Parmalat, adesso è la volta di Edison. L’azienda italiana, secondo produttore elettrico nazionale, è infatti controllato da Electricité de France e A2A, l’ex municipalizzata lombarda. Stavolta non c’è un problema di acquisto delle quote, perchè Edison è controllata per il 61% da una holding, la Transalpina Energia, che è formata da EDF e da una cordata di aziende municipalizzate, controllate da A2A. I francesi di EDF, posseggono inoltre un 19% di quota azionaria in più oltre la quota in Transalpina Energia. Secondo gli accordi fra A2A e EDF, firmati nel 2005, l’azienda francese può scegliere e designare un capo azienda, stesso discorso vale per A2A, che ha libera facoltà di scegliere il presidente: l’accordo prevede una scelta unilaterale, dunque una parte in causa può selezionare ed assumere un nuovo capo (licenziando il vecchio) senza consultare la controparte. Ed è proprio quello che è successo: infatti EDF ha deciso di sostituire Umberto Quadrino,amministratore delegato di Edison, con un nuovo manager, che verrà scelto in occasione del rinnovo del consiglio di amministrazione, l’1 aprile. E’ chiaro come adesso i francesi punteranno su un manager transalpino o comunque trapela che difficilmente potrà essere assunto un nuovo manager italiano.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*