Effetto Grecia: crollano le Borse, Piazza Affari perde il – 6.80%

L’annuncio choc del premier Papandreou ha gettato nello sconforto i mercati. Le Borse europee sono andate in caduta libera, portando addirittura Piazza Affari ad una soglia di perdita davvero elevata. La Borsa di Milano ha infatti perso il – 6.80%, non si toccavano livelli così alti dal crac Lehmann nel 2008. La tensione ha coinvolto comunque tutte le borse europee: Francoforte chiude a -5 %, Parigi a -5.38%, Londra a -2.21%, giusto per citare le principali. Tornando a Piazza Affari, la peggiore borsa europea nella giornata di ieri, sono stati sospesi i titoli delle due principali banche italiane: Unicredit e Intesa Sanpaolo, che a fine giornata hanno raccolto la peggiore seduta di sempre. Si calcola che l’annuncio del Primo ministro greco Georges Papandreou sia costato all’Europa qualcosa come 219 miliardi di euro, somma bruciata in una giornata di contrattazioni in Borsa. A peggiorare la situazione è stata la quotazione dello spread fra il Btp italiano e il Bund tedesco, che ha toccato una differenza record: 459 punti, 52 punti in più rispetto ai 407 punti della chiusura di lunedì. E’ in assoluto la differenza di spread più alta fra il Btp italiano e il Bund tedesco. Cala anche l’Euro, che scende sotto la quota di 1.38 dollari passando a 1,3647 dollari.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*