Esauriti gli incentivi del Ministero dello Sviluppo: boom dei macchinari agricoli

Vi avevamo parlato ad inizio mese della riorganizzazione del fondo incentivi del Ministero dello Sviluppo: i soldi rimasti non utilizzati, per alcuni settori, venivano rimessi in circolo, permettendone l’utilizzo anche per gli altri settori dove erano andati esauriti in pochissimo tempo. Questa riorganizzazione è stata subito apprezzata dal mercato: dai primi giorni di novembre ad oggi, i 107 milioni di euro rimasti non spesi, sono andati esauriti. Dunque meno di tre settimane, una sorpresa comunque molto positiva. Come sono andati spesi questi fondi? Lo spiega in una nota il Ministero dello Sviluppo.
– alle macchine agricole e movimento terra, sono andati ben 56.7 milioni;
– agli stampi per scafi da diporto, oltre 20.7 milioni.
Modesti i contributi utilizzati negli altri settori:
motocicli, 4.5 milioni,
cucine componibili, 5.2 milioni,
connessioni a banda larga, 6.9 milioni
elettrodomestici, poco più di 3.7 milioni.
Secondo il ministero dello Sviluppo economico, i 107 milioni hanno finanziato 214.375 acquisti, dunque un ottimo movimento. Adesso c’è da risolvere un altro problema: i negozianti hanno anticipato i contributi, ma non hanno ancora ottenuto i rimborsi per la prima tranche di incentivi, quella che da aprile ad ottobre, ha visto il consumo della fetta più grossa di incentivi. Il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, ha commentato così la situazione. “Ancora una volta emerge la criticità dei tempi di pagamento delle pubbliche amministrazioni. La maggioranza delle imprese non ha però ancora ottenuto i previsti contributi, nonostante siano stati riconosciuti agli acquirenti i benefici di legge” spiega Sangalli, che vede nello sblocco della disponibilità della cassa del Ministero dell’Economia, la soluzione per questi pagamenti.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*