Ethereum: possibilità di forte rialzo a breve termine

La mattinata del prezzo Ethereum è caratterizzata da un buon rialzo sopra gli 830 dollari. La linea di tendenza rialzista che si è venuta a formare con il supporto a 832 dollari, sul grafico orario, potrebbe spingere la coppia ETH/USD verso gli 860 dollari. Dopo il ribasso della giornata di ieri, gli acquirenti hanno impedito ulteriori cali. Rialzo confermato anche dagli indicatori tecnici MACD e RSI. Attualmente, i livelli di supporto e resistenza sono fissati rispettivamente a 830 e 865 dollari. I guadagni odierni si aggirano attorno al 3%.

Ethereum: secondo gli analisti scalzerà Bitcoin

Sono sempre di più gli esperti convinti che anche il 2018 vedrà le criptovalute ai vertici del mercato. Nonostante la crisi di inizio anno. In particolare, la moneta digitale creata da Vitalik Buterin, si sta mostrando sempre più solida. Pronta a superare Bitcoin.

Infatti, si prevede che, man mano che gli investitori diventeranno più istruiti sulle specificità di ciascuna criptovaluta, sposteranno i propri soldi sui progetti con la migliore tecnologia.

Per questo motivo, il prezzo ETH ha buone possibilità di raggiungere i 2.000 dollari entro la metà del 2018. Per posi spostarsi tra i 5.000 e i 7.000 dollari alla fine dell’anno. Un rialzo enorme e altamente profittevole.

Tra gli analisti è diffusa la convinzione che la valuta di Buterin diventerà sempre più attraente anche grazie alla condivisione.

Tra l’altro, sembrerebbe che la moneta abbia un numero di sviluppatori superiore a qualsiasi altra comunità blockchain. Che lavorano costantemente a importanti migliorie del sistema seguendo la logica del suo creatore:

Se la criptovaluta ha successo, non è perché arricchisce le persone migliori, bensì perché potenzia le migliori istituzioni.

Nel contempo, assisteremo durante l’anno a continui declini e riprese di Bitcoin che, inevitabilmente, perderà un po’ di attrattiva. Dunque, il duello finale sembra tra Ethereum e Ripple. Secondo gli esperti vale la pena di tentare investimenti sulla prima. Soprattutto adesso, visti i prezzi e ragionando sul lungo termine.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*