Ethereum: ancora la seconda più importante criptovaluta

Il prezzo di Ethereum si è bloccato sul mercato, nelle ultime settimane. Gli investitori hanno assistito ad un crollo di oltre il 50% del valore della moneta. ETH è infatti scesa dal picco di 1433 dollari USA toccato il 13 gennaio, ai 650 dollari odierni. La moneta è stata lanciata nel 2015 da Vitalik Buterin. Con l’obiettivo di consentire agli utenti di effettuare pagamenti digitali anonimi internazionali. Senza la necessità di coinvolgere banche o terze parti. Nel 2017, il boom delle criptovalute ha coinvolto naturalmente anche e soprattutto questa moneta. Che continua a mantenere un seguito consistente di investitori. La crisi è evidente, ma la ripresa non è affato esclusa.

Ethereum: analisi tecnica di oggi 6 febbraio 2018

Nelle ultime sessioni di mercato, il prezzo Ethereum è sceso di oltre il 17%. Violato il supporto chiave che era fissato sul valore di 775 dollari USA. Attualmente, l’incertezza del mercato consente agli orsi di mantenere il controllo.

La notizia che domina in queste ore convulse è l’ostruzione da parte delle grandi potenze mondiali nei confronti delle criptovalute. Dopo le dichiarazioni contrarie al mercato di scambi digitali del ministro delle finanze indiane, si sono aggiunte le intenzioni negative di Corea del Sud, Cina e Stati Uniti.

Persino l’Europa ha lanciato un monito contro le criptovalute, attraverso le parole del numero uno della Banca Centrale Europea. Mario Draghi ha infatti dichiarato che:

Bitcoin come Ethereum e altri derivati rappresentano asset molto rischiosi. Soggetti ad alta volatilità e speculazione. Anche in Europa l’attenzione sulle criptovalute rimane alta. 

Infine, pesanti anche le ultimissime dichiarazioni di Jay Clayton, presidente della SEC, il quale ha affermato che occorre maggiore trasparenza sul mercato delle criptomonete. Lanciando ipotesi di introduzione nuove regole.

Momento propizio per investire su Ethereum a breve e brevissimo termine. E’ possibile ora acquistare ETH a prezzi notevolmente bassi, per poi tentare la vendita sul mensile.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*