Eurostat: “Cresce l’occupazione in Europa, non in Italia”

eurostatNuovo resoconto dell’Eurostat sulla situazione del mondo del lavoro in Europa. Il Vecchio Continente è in ripresa: lo dimostrano i dato sull’occupazione. Nel primo trimestre 2014, l’Europa ha visto un aumento degli occupati del +0.1%, aumento che sale al +0.2% se consideriamo solo i Paesi dell’Unione Europea. Nel primo trimestre 2014, gli occupati nell’Unione Europea erano 224.2 milioni, di cui 146.1 milioni nell’Eurozona. La crescita dell’occupazione in Europa è in attivo per il secondo trimestre consecutivo: un segnale di una ripresa, seppur debole, ma che lascia ben sperare per il proseguo del 2014. E passiamo al lato negativo della nota diramata dall’Eurostat: è vero, l’occupazione sta crescendo in Europa, ma non in Italia. Nel dettaglio infatti, l’Eurostat ha calcolato che nel secondo trimestre 2014, l’Italia ha perso lo 0.1% degli occupati, nuova flessione dopo il calo dello 0.2% del trimestre precedente. Non solo l’Italia in passivo: scende l’occupazione di Cipro (-1,2%) e Portogallo (-0,3%). Sembra più rosea la situazione degli altri Paesi europei: prendiamo in esame la gErmania, che dopo il +0.2% del trimestre precedente, è salita del +0.3%. Situazione differente in Francia, dove per il terzo trimestre consecutivo, l’occupazione resta stabile: il tasso d’occupazione è dunque invariato da nove mesi.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*