Fiat, a Pomigliano firmato accordo separato, no della Fiom

E’ stato ratificato ieri con firma di Ugl, Fim, Uilm, Fismic il nuovo contratto per l’assunzione dei 4600 dipendenti dello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco: è questa la nota rilasciata dalla Fiat ieri. Come ben saprete, la Fiat ha creato una Newco appositamente per lo stabilimento campano, sulla base dell’accordo già raggiunto nel giugno scorso con i sindacati, dunque ha riassunto i lavoratori in questa nuova società. Lo stabilimento di Pomigliano sarà occupato nella produzione della nuova Fiat Panda, a partire da gennaio 2011. Ma come già detto, si tratta di un accordo separato: infatti fra le sigle sindacali che hanno raggiunto ieri la firma dei contratti, non c’è la Fiom. Infatti l’organo della Cgil ha rinunciato a partecipare al tavolo sindacale perchè non ha condiviso l’accordo raggiunto a giugno. Per protestare contro questo accordo, sono state annunciate 8 ore di sciopero il 28 gennaio. Molto soddisfatto dell’accordo è il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi. “La firma consolida l’investimento promesso, e già avviato, mentre migliora le condizioni retributive e le potenzialità di progressione reddituale e professionale dei lavoratori. Il Governo ha fatto la sua parte con la detassazione al dieci per cento  di tutta la parte del salario che si può ricondurre alle intese per la maggiore produttività del lavoro”.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*