Financial Times: “La Commissione Europea bacchetta l’Italia”

Il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, non vuole applicare due pesi e due misure: sebbene il settore pubblico e privato siano differenti, è giusto che nella nuova regolamentazione del mondo del lavoro ci sia la possibilità di licenziare anche nel settore pubblico. “Quello dei dipendenti pubblici non è un mercato, perché ha regole diverse” chiarisce la Fornero, che poi spiega come “qualcosa di simile a ciò che abbiamo fatto per i dipendenti privati, relativamente alla possibilità di licenziare, sia inserito nella delega per i dipendenti pubblici”. La delega spetta al ministro della Funzione pubblica, Patroni Griffi, che sta dunque lavorando insieme, una collaborazione che dovrebbe portare questa possibilità. Lo stesso ministro della Funzione pubblica ha sottolineato come nella legge delega è stato previsto il tema dei licenziamenti degli statali, dunque a questo punto non resta che approfondire in maniera più importante questo tema, magari nel prossimo Consiglio dei Ministri, dove i due ministri si troveranno di fronte e potranno analizzare gli aspetti tecnici. Queste dichiarazioni arrivano in un periodo molto “caldo”, dato che si parla da più parti della riduzione della spesa pubblica, spesa pubblica che passa anche dagli stipendi dei dipendenti statali. “La spending review sarà tostissima: ci sarà un taglio fortissimo sulla spesa pubblica improduttiva e sugli sprechi” ha spiegato la Fornero, che ha sicuramente scatenato le ire dei sindacati.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*