Fitch, la Francia perde il rating AAA

franciaTorniamo a parlare di rating. Dopo l’annuncio dei giorni scorsi, che ha visto l’agenzia Standard’s & Poor’s declassare l’Italia da “BBB+” a “BBB”, è il turno di Fitch. L’agenzia di rating internazionale ha infatti comunicato che la Francia perde la tripla A (AAA), il valore più alto in termini di rating. Nei mesi scorsi, Standard & Poor’s e Moody’s avevano retrocesso il rating francese, adesso è il turno di Fitch: la Francia passa da un rating AAA a quello di AA+, con outlook stabile. Standard & Poor’s aveva effettuato lo stesso percorso, valutando il rating transalpino con AA+, ma con outlook negativo, mentre Moody’s era stata più severa, con giudizio Aa1, sempre con outlook negativo. E’ chiaro che non siamo ai livelli dell’Italia, che ha un rating davvero peggiore, ma è pur sempre un campanello d’allarme importante per l’economia francese. Secondo gli analisti di Fitch, la scelta di effettuare questo downgrade del rating è dovuta all’alto livello di indebitamento della Francia: l’indebitamento francese si attesterà al 96% nel 2014, secondo le previsioni di Fitch, troppo alto per il resto dei Paesi da AAA, che in media offrono un indebitamento del 49%. “I rischi alle previsioni fiscali di Fitch sono soprattutto al ribasso, con l’outlook incerto per la crescita e la crisi dell’area euro. L’outlook stabile indica invece che non è atteso al momento un cambio del rating della Francia nei prossimi due anni, ma resta alta l’incertezza sull’evoluzione di disoccupazione e deficit nel breve e medio termine” spiegano da Fitch in una nota. L’agenzia poi prevede una contrazione del -0.3% del Pil francese nel 2013, ma lo stesso Pil aumenterà del +0.7% nel 2014.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*