Fmi incoraggia la Bce: “E’ necessario più allentamento monetario”

christine-lagardeIl Fondo monetario internazionale lancia l’allarme: la ripresa continua ad essere debole e l’economia cresce in maniera stentata. A questo quadro sconsolante si aggiunge anche il peggioramento del tasso di disoccupazione, un problema che potrebbe anche scatenare nuove tensioni sociali in Europa. Per questo motivo il FMI ha provato ad incoraggiare la Bce: la Banca Centrale Europea dovrà apportare nuove misure. Il Fondo monetario internazionale chiede l’allentamento monetario, che potrebbe avvenire anche con il taglio dei tassi di interesse, ma è chiaro che la Bce potrebbe anche scegliere misure non convenzionali, che “ridurre la frammentazione del mercato finanziario e migliorare l’accesso al credito soprattutto per le Pmi”, come si legge nel documento del Fmi. Concludiamo con l’Italia: il Fondo monetario internazionale parla anche dell’Italia e sostanzialmente le previsioni sembrano confermare le stime elaborate nel mese di luglio. Secondo il Fmi, il Pil dell’Italia avrà una flessione del -1.8%, flessione più contenuta rispetto al -2.4% del 2012. Tornerà a crescere nel 2014, questo dicono le stime del Fmi: il prossimo anno il Pil italiano dovrebbe salire del +0.7%. Per quanto riguarda la disoccupazione, il 2013 dovrebbe chiudersi con un tasso di disoccupazione pari al 12.5%, che verrà leggermente migliorato nel 2014, quanto sarà pari al 12.4% (-0.1%), rimanendo comunque in linea con la media europea.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*